Incendi nel sud della Turchia: 4 morti e oltre 180 feriti – VIDEO

Si aggrava il bilancio delle vittime delle fiamme nell’area meridionale del Paese. L’ultimo bollettino è drammatico.

Appiccato il fuoco in via Emilia Ovest
Incendio (Getty Images)

Si è aggravato il bilancio delle vittime dei devastanti incendi che hanno colpito la parte meridionale della Turchia. Le ultime cifre riportate sono drammatiche: 4 morti e oltre 180 feriti. Le fiamme sono divampate lungo le coste del Paese, l’area prediletta dai flussi turistici durante la stagione estiva. A seguire maggiori dettagli.

LEGGI ANCHE >>> Violento incidente sulla strada: poliziotta muore investita da un’ambulanza

Circa 4000 vigili del fuoco per domare le fiamme

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Rinvenute ossa umane nei Pirenei: identificato il cadavere

La maggior parte degli incendi è stata localizzata lungo le coste mediterranee della Turchia, uccidendo 4 persone e ferendone circa 180. Ad annunciarlo sono le autorità locali, le cui fonti ufficiali stimano almeno una dozzina di villaggi evacuati. Ulteriori informazioni arrivano dalle parole del ministro dell’agricoltura Bekir Pakdemirli, il quale ha affermato ai media che “57 dei 71 incendi appiccati in tutto il paese sono stati messi sotto controllo.” Le operazioni di soccorso hanno mobilitato un’ampia squadra di uomini: si stimano circa 4.000 vigili del fuoco, 3 aerei, 38 elicotteri e centinaia di autopompe per domare le fiamme alimentate dalle alte temperature, sulla soglia dei 40 gradi Celsius e dai forti venti, che sfrecciano a circa 50 chilometri orari.

A partire da questo mercoledì 28 luglio, diversi incendi separati sono deflagrati nelle foreste di Manavgat, Alanya, Adana, Mersin, Bodrum e Marmaris, vicino alle più popolose località turistiche della Turchia. A causa dei forti venti le fiamme si sono estese in breve tempo lungo l’intera area meridionale del Paese, raggiungendo persino i centri abitati: decine di case, campi e stalle di diversi villaggi sono state interamente distrutte dalle esplosioni. Il fuoco è stato un duro colpo anche per i luoghi turistici, appena rialzati dalla tragica situazione economica conseguente alle rigide restrizioni anti-Covid. “La corrente è saltata nella notte. Non siamo riusciti a dormire a causa dello stress. Ci siamo svegliati con una pioggia di cenere.” – ha testimoniato ai giornalisti dell’Agence France Presse Gulin Dede Tekin.

Divampano senza sosta gli incendi
Incendio (Getty Images)

Secondo le stime riportate dai notiziari, negli ultimi due giorni in tutto il Paese sono stati segnalati oltre 60 incendi, di cui 43 sono stati domati.

Fonte Aninews, Agence France Presse