Curcuma: i 5 incredibili benefici dello “zafferano indiano”

La spezia presenta numerose proprietà: ecco cinque buoni motivi per non ignorare questa pianta dai molteplici benefici per la salute.

pizza
Pizza (Foto di Lars Beulke da Pixabay)

Conosciuta anche come “zafferano d’India“, la Curcuma Longa, dal cui rizoma (la radice) viene estratta la nota polvere color arancio, si trova in molte ricette culinarie. Oltre ai curry speziati, la spezia dal sapore volatile trova largo consumo non solo in cucina, ma anche in ambito medico, specialmente nei sistemi cinesi o ayurvedici; alternative alla medicina tradizionale. Ecco cinque buoni motivi per non ignorare questa pianta dai molteplici benefici per la salute.

NON PERDERTI ANCHE >>> Attacchi di fame: il meccanismo del senso di sazietà

Curcuma a tavola: la magia dello zafferano indiano

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Sindrome del colon irritabile. Cos’è, come riconoscere i sintomi e come curarla

  • Una cura per l’acne: Conosciuto per le sue proprietà antinfiammatorie, questo antisettico naturale presenta numerosi benefici per la pelle, allevia i pruriti e cura i pori da impurità e infezioni, quali l’acne o l’eczema. Sotto forma di maschera o cataplasma, mescolato a miele, purea di frutta come banana o yogurt, si lascia applicare l’impasto per qualche minuto sui brufoli e sugli antiestetici arrossamenti del viso, prima di risciacquare con acqua pulita.
  • Un alleato per il fegato: con le sue proprietà disintossicanti la curcuma cura anche i disturbi del fegato, in particolare grazie alla presenza della curcumina; un potente antiossidante. Drena le scorie presenti nel sangue e stimola la secrezione della bile, facilitando i meccanismi di eliminazione dei grassi. Pochi grammi cosparsi sui piatti con un po’ di olio d’oliva e pepe.
  • Un regolatore della flora intestinale: il consumo della spezia color arancio è altamente consigliato a seguito di un consumo eccessivo di alcol o dopo un pasto troppo pesante. La curcuma combatte il gonfiore e il bruciore di stomaco. Per questo motivo trova ampia risonanza nella medicina ayurvedica indiana come facilitatore della digestione.
  • Un antistress naturale: con l’arrivo del periodo autunnale e il conseguente calo delle temperature, anche la stanchezza e lo stress tornano a farsi sentire. Anche in questo caso la curcumina si rivela un’ottima soluzione ai disturbi d’ansia: il suo consumo incrementa la secrezione di serotonina.
  • Una soluzione per i denti bianchi: se da una parte lo zafferano d’India aggiunge vivacità alle ricette in cucina; d’altra parte può aiutare a sbiancare i denti spessi ingialliti dal tabacco, dal caffè o dal vino. Prepara un dentifricio mescolando la curcuma in polvere con l’olio di cocco e lavati i denti con questa ricetta fatta in casa per almeno tre minuti.
dieta
Piatto a base di pollo (foto di Devon Breen da Pixabay)

Oltre che antiossidante e antinfiammatorio, la curcuma presenta altre azioni benefiche per il nostro organismo: tra queste si ricordano quelle depurativa, coleretica e colagoga.