Yara, il film dedicato alla giovane Gambirasio è un flop su Netflix

Il film “Yara”, opera di true crime dedicata alla scomparsa della giovane bergamasca nel 2011, non è piaciuto a nessuno: ecco tutto quello che non va.

Film "Yara"
Screenshot del film “Yara” (Foto da @donnamoderna su Instagram)

Il 6 novembre è uscito su Netflix “Yara”, il film di Marco Tullio Giordana dedicato a Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate di Sopra (in provincia di Bergamo) trovata morta nel 2011. Anche in Italia, come in tanti altri paesi del mondo, ultimamente il genere true crime sta riscuotendo un successo pressoché unanime, e così in pochi giorni il film di Giordana è salito nella classifica top dei più visti su Netflix. Purtroppo, però, a differenza di tanti altri capolavori di true crime italiano il film ha deluso parecchi dei suoi spettatori: nell’opera mancherebbe, secondo la critica del Rolling Stones, valenza artistica e peso politico.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Yara Gambirasio esce il film sulla tragedia: Massimo Bossetti vince un premio

Yara Gambirasio, il film su Netflix a lei dedicato non ottiene l’approvazione della critica

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TaodueFilm (@taoduefilm)

Potrebbe interessarti leggere anche —> Netflix, esce il film su Yara Gambirasio. La cronaca nera svelata sugli schermi

Il film “Yara” non è riuscito ad ottenere nessun tipo di approvazione da parte della critica italiana. È triste dirlo, ma la storia della scomparsa della tredicenne aveva tutte le potenzialità per dare vita ad un’opera informativa e di sensibilizzazione unica nel suo genere… eppure questo non è stato fatto. Guardando il film si ha quasi l’impressione che si tratti di una vicenda inventata, riassunta in modo poco esaustivo tralasciando “dettagli” che sono stati fondamentali nello svolgimento delle indagini.

Non è andata meglio con la scelta degli attori, che sono stati giudicati poco adatti all’interpretazione dei ruoli e decisamente “spaesati” nei confronti della vicenda. Chiara Bono, giovanissima attrice che presta il volto a Yara, è stata giudicata dal Rolling Stones “troppo poco bergamasca per la parte”. Insomma, l’opinione generale sembra essere d’accordo sul fatto che il film sia stato un enorme buco nell’acqua, un’occasione sprecata che avrebbe potuto raccontare in modo serio ed esaustivo una vicenda che ha sconvolto il nostro paese dieci anni fa, e che da allora non ha mai smesso di far tremare di paura chiunque se ne ricordi.

Film "Yara"
Screenshot del film “Yara” (Foto da @donnamoderna su Instagram)

Nonostante le critiche negative il film continua ad essere nella top italiana dei più visti su Netflix. Probabilmente il ricordo della vera Yara è sufficiente per tenere tutti quanti incollati allo schermo!