Orrore in strada: uomo uccide il suocero con un’ascia e ferisce moglie e suocera

La scorsa notte a Porto Torres (Sassari), un uomo avrebbe ucciso il suocero in strada a colpi d’ascia ed avrebbe ferito la moglie e la suocera.

Orrore nella serata di ieri a Porto Torres (Sassari), dove un uomo di 40 anni avrebbe ucciso il suocero e ferito gravemente la suocera e la moglie. Stando alle prime informazioni, il 40enne, al culmine di una lite in strada, avrebbe colpito con un’ascia i tre familiari.

Porto Torres omicidio suocero moglie suocera
Porto Torres, carabinieri sul luogo del delitto (Vincenzo Garofalo – Ansa)

Sul luogo della tragedia sono arrivati i soccorsi che non hanno potuto far nulla per il suocero. Le due donne sono state trasportate in ospedale, dove ora si trovano ricoverate in condizioni critiche. Il presunto omicida si sarebbe poi costituito ai carabinieri ammettendo le proprie responsabilità e sarebbe stato trasferito in carcere.

Porto Torres, orrore in strada: uomo uccide il suocero con un’ascia e ferisce moglie e suocera

Porto Torres omicidio suocero moglie suocera
(Fortgens Photography – Adobe Stock)

Sotto choc la comunità di Porto Torres, in provincia di Sassari, dove ieri sera, sabato 26 febbraio, un uomo è stato assassinato in strada. La vittima è Basilio Saladino, poliziotto in pensione.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, come riporta la redazione de L’Unione Sarda, intorno alle 21 sarebbe scoppiata una lite in strada, in via Principessa Giovanna. Al culmine della discussione, il genero della vittima, un muratore di 40 anni, avrebbe afferrato un’ascia e colpito il suocero. Successivamente avrebbe inseguito la moglie e la suocera colpendo anch’esse.

Sul luogo dell’accaduto si sono precipitati i soccorsi, ma per l’ex agente di polizia non c’è stato nulla da fare. Troppo gravi le ferite riportate. Le due donne, invece, sono state trasportate d’urgenza in ospedale, dove adesso versano in condizioni critiche. Intervenuti anche i carabinieri che hanno avviato le indagini sul caso per ricostruire con esattezza la dinamica dei fatti e risalire al movente dell’efferato delitto.

Il 40enne si sarebbe poi costituito ai carabinieri ed avrebbe confessato il delitto. L’uomo, scrive L’Unione Sarda, interrogato per tutta la notte dagli inquirenti in caserma, avrebbe detto di essere stato aggredito per primo dal suocero.

Quanto accaduto ha gettato nello sconforto l’intero paese. Il sindaco, Massimo Mulas, sul proprio profilo Facebook ha scritto in un post: “Nel manifestare la vicinanza nei confronti dei familiari delle persone coinvolte e per rispetto verso il loro dolore, l’amministrazione comunale ha deciso di annullare gli eventi del carnevale dei bambini in programma oggi nelle piazze del centro. È il momento del silenzio e della riflessione”.

Impostazioni privacy