Le Alpi stanno diventando sempre più verdi: lo studio

Le Alpi stanno diventando sempre più verdi a causa del Riscaldamento Globale: lo studio condotto dagli esperti.

Studi recenti pubblicati su Science rivelano un dato piuttosto serio secondo il quale le Alpi si stanno arricchendo di alberi cambiandone l’aspetto. I cambiamenti climatici sono già in atto da diversi decenni, ma solo nell’ultimo periodo si è assistito ad un maggiore presa di posizione da parte di coloro che devono prendere decisioni importanti.

Alpi verdi riscaldamento globale studio
Foto di Bessi – Pixabay

I diversi incontri a livello mondiale sono stati supportati anche da studi scientifici piuttosto approfonditi.

Cambiamento climatico, le Alpi diventano sempre più verdi: lo studio degli esperti

Alpi verdi studio riscaldamento globale
(Jody Davis – Pixabay)

Da molto tempo ormai si parla di Riscaldamento Globale. Ci si è sempre focalizzati soprattutto sullo scioglimento dei ghiacciai, ma le conseguenze cominciano a vedersi anche qui, a casa nostra. In particolare, sembra che le Alpi stiano diventando sempre più verdi a causa della riduzione delle nevicate invernali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Svolta inaspettata nel Paese del Sud America: il Presidente firma misura a tutela dell’ambiente

Da recenti studi, condotti principalmente dalla Professoressa Sabine Rumpf, ricercatrice del dipartimento di ecologia ed evoluzione dell’università di Losanna, in Svizzera, e principale artefice dello studio condotto sui cambiamenti climatici avvenuti fra il 1984 e il 2021, parrebbe che le Alpi si stiano riscaldando più velocemente rispetto ad altre zone del pianeta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il Governo di un Paese europeo valuta l’abbattimento controllato di una specie

Infatti, “le piante alpine si sono adattate a condizioni difficili, ma non sono molto competitive. La biodiversità unica delle Alpi è quindi sottoposta a una notevole pressione, sostiene la Professoressa. Inizialmente non ci si era accorti di questo cambiamento, e questo, secondo Antoine Guisan, uno degli autori dello studio, probabilmente è stato causato da una risoluzione delle immagini satellitari insufficiente o perché si erano considerati periodi troppo brevi.

A prima vista, si potrebbe pensare che l’aumento della vegetazione porti ad un notevole abbassamento di Anidride Carbonica nell’atmosfera, tuttavia, “le piante assorbono la CO2 dall’atmosfera e possono quindi, in una certa misura, diminuirne la concentrazione. conclude la professoressa Rumpf. E, pertanto, l’’aumento della vegetazione accelera lo scioglimento della neve, e, in questo modo, altera l’albedo del suolo (cioè la capacità di riflettere l’energia solare), rilasciando così gas serra attraverso lo scioglimento del permagelo andando a sconvolgere, così, l’ecosistema animale e vegetale.

Sembrerebbe ormai certo che in futuro dovremo aspettarci di vedere un panorama diverso da quello a cui siamo abituati, e, soprattutto, sarà un cambiamento non indifferente per gli amanti dello sci.

Impostazioni privacy