Elettricità sopra la media: ARERA evita ulteriori aumenti

L’ARERA (Azienda Regionale per l’Edilizia Abitativa) ha annunciato l’aumento del 59% dell’elettricità a partire dal 1° ottobre, il suo intervento ne evita l’aumento.

elettricità aumenti ARERA aiuti
(Nicole Köhler – Pixabay)

L’aumento dell’energia oggi occupa molto spazio nei giornali, perché i prezzi dei gas hanno raggiunto livelli inverosimili. La guerra in Ucraina e l’interruzione delle forniture del gas da parte della Russia, rappresenta uno dei motivi principali degli aumenti negli ultimi tempi. Il Governo per sostenere le famiglie e le imprese in difficoltà, ha approvato il Decreto Aiuti Ter, che fa seguito al Decreto Aiuti Bis.

Aiuti per sostenere famiglie e imprese

elettricità
(Steve Buissinne – Pixabay)

Il provvedimento prevede: bonus 150 euro, l’incremento per le imprese sull’acquisto di energia elettrica e gas naturale, contributo spese energia nel terzo settore, disposizioni in materia di sport,  bonus trasporti 2022, aiuti per cinema, teatri e luoghi di cultura, credito imposta imprese agricoltura e pesca, nuove misure concorsi magistratura, disposizioni per sostenere i trasporti.

A queste si aggiungono disposizioni per sostenere le scuole, aiuti lavoratori dipendenti, pensionati e altre categorie, forniture ricarica veicoli elettrici, misure per il sostegno alla siderurgia, nuove misure per residenze per studenti universitari, misure per gli istituti tecnici e per gli istituti professionali, contributo bollette enti pubblici, novità sui rigassificatori, nuovi aiuti per Ucraina, risorse per CAF, garanzia statale imprese in crisi, compensazione prezzi per fotovoltaico.

LEGGI ANCHE >>> Rincari bollette, questa volta sono davvero maxi: italiani messi in ginocchio

Il Nuovo bonus di 150  euro, è  rivolto a coloro che non hanno superato 20.000 euro di reddito nell’anno d’imposta 2021. Il bonus interessa 22 milioni di persone e verrà erogato automaticamente ai: lavoratori dipendenti con una retribuzione imponibile non superiore ai 1.538 euro nel mese di novembre, dipendenti pubblici e privati, pensionati, lavoratori domestici, percettori di NASPI e DIS-COLL, percettori di Reddito di Cittadinanza, lavoratori stagionali del turismo e dello spettacolo. Mentre dovranno fare richiesta i lavoratori autonomi, le partite IVA, i dottorandi e assegnasti.

LEGGI ANCHE >>> Bancomat, da ottobre cambia tutto: quanto ci costerà ogni nuovo prelievo allo sportello

Ci troviamo ad affrontare un periodo difficile, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto economico, data la difficoltà e la gravità della situazione, un ulteriore aiuto oltre il Decreto Aiuti Ter è stato dato dall’ARERA.

Azienda Regionale per l’Edilizia Abitativa con un intervento straordinario ha chiesto al Governo e al Parlamento ”di rimandare la fine della tutela elettrica per le microimprese e per i clienti domestici” per evitare il raddoppio del prezzi per gli utenti ancora in tutela, che secondo le statistiche sarebbe arrivato al 100 per cento. Nel terzo trimestre del 2022 infatti, rispetto al secondo trimestre del 2021 il prezzo dell’elettricità è quasi quadruplicato.