Coronavirus, deceduta in Iran giovane giocatrice di futsal

Elham Sheikhi, giovane giocatrice iraniana di calcio a 5, è deceduta mercoledì in ospedale dopo aver contratto il coronavirus. In Iran sono salite a 26 le vittime provocate dalla diffusione del Covid -2019.

Elham Sheikhi
La giocatrice iraniana di Futsal Elham Sheikhi (foto da Twitter)

Una ragazza di 23 anni è morta in Iran dopo aver contratto il coronavirus. La vittima è Elham Sheikhi, ex giocatrice professionista di Futsal (calcio a 5) che aveva fatto parte anche della nazionale iraniana. Secondo quanto riferito da fonti locali, la 23enne sarebbe deceduta mercoledì presso l’ospedale di Qom, dove era stata ricoverata dieci giorni fa. Quello della 23enne porterebbe a 26 il bilancio delle vittime nella Repubblica Islamica, dove si sono registrati ad oggi 245 casi. Sono 19, invece, le province interessate su 31 totali.

Leggi anche —> Spagna, medico italiano positivo al coronavirus: quarantena per circa mille persone

Coronavirus, giovane giocatrice di calcio a 5 morta in Iran: salgono a 26 le vittime e ad oltre 240 i contagi nel paese arabo

Tragedia nel mondo del calcio che piange la scomparsa della giocatrice di Futsal, Elham Sheikhi che aveva anche vestito la maglia della nazionale iraniana di calcio a 5. La ragazza di soli 23 anni, come riporta la redazione di Fanpage citando l’agenzia di stampa statale Rokna, sarebbe deceduta mercoledì 26 febbraio presso l’ospedale di Qom, in Iran, dove si trovava ricoverata da dieci giorni dopo aver contratto il coronavirus. Il bilancio delle vittime, dopo la morte di Elham, secondo i dati del ministero della Sanità della Repubblica Islamica, è salito a 26 con 245 casi di contagio registrati ad oggi in 19 province su 31 totali.

Secondo quanto riportato da Fanpage, la morte della 23enne ha destato molto clamore tra la popolazione iraniana che sta fronteggiando l’emergenza. Secondo i media della Repubblica Islamica, Elham Sheikhi non sarebbe l’unico “caso illustre” di coronavirus. Nei giorni scorsi pare che Hadi Khosroshahi, ex ambasciatore in Vaticano, poi capo dell’ufficio di rappresentanza dell’Iran al Cairo, in Egitto tra il 2001 e il 2004, e consigliere dell’ex ministro degli Esteri, è morto a causa del Covid-2019. Anche il vice-ministro per la Salute dell’Iran, Iraj Harirchi sarebbe finito in quarantena, come riporta Fanpage, dopo aver mostrato alcuni sintomi riconducibili al virus. Infine sarebbero risultati positivi ai test anche Mahmud Sadeghi, parlamentare eletto a Teheran e la vicepresidente iraniana con delega per le donne e la famiglia Masoumeh Ebtekar, finiti anch’essi in isolamento per evitare altri eventuali contagi.

Leggi anche —> Coronavirus | Nuovi casi in Germania, il ministro: “L’inizio di un’epidemia”

Coronavirus
(Getty Images)