A dieta senza risultati? È colpa del metabolismo

Arrivano nuove conferme da uno studio condotto dall’Università di Pisa a proposito delle persone che sono a dieta senza risultati visibili.

dieta senza risultati
(Getty Images)

Abbiamo più volte sentito frasi del genere: “Sono a dieta senza risultati“, oppure “Mangio poco ma ingrasso”. Nella peggiore delle ipotesi siamo noi stessi a porcele o a farle ai nostri amici o meglio al nostro nutrizionista. A venirci incontro per rispondere alle domande e magari ad aiutarci è un nuovo studio dell’Università di Pisa e del National Institutes of Health statunitense pubblicato sulla rivista scientifica “Diabetes”. I ricercatori toscani hanno spiegato quanto segue: “Al di là di ciò che mangiamo, è infatti il nostro specifico profilo metabolico a decidere il mantenimento del nostro peso corporeo. Detto diversamente, le persone con un metabolismo che tende a bruciare meno grassi sono più a rischio di sovrappeso e obesità visto che con il passare del tempo tendono a ingrassare di più”. Secondo gli studiosi il nostro metabolismo può essere o ‘brucia grassi‘ o ‘brucia carboidrati‘.

LEGGI ANCHE –> Alimentazione corretta, 5 cibi che non devono mancare

I soggetti ‘brucia carboidrati’ fanno la dieta senza risultati

Paolo Piaggi, autore dello studio e bioingegnere dell’ateneo pisano spiega: “Ci sono soggetti più propensi a “bruciare” i grassi e altri più inclini a “bruciare” i carboidrati della propria alimentazione. Come abbiamo scoperto, quest’ultimi, tendono a mettere più peso nel tempo visto che non consumano tutti i grassi che ingeriscono con la dieta, pur seguendo un’alimentazione normocalorica ma li immagazzinano nel corpo come tessuto adiposo, che con il passare del tempo si espande e provoca un aumento di peso corporeo”.

LEGGI ANCHE –> Alimentazione da quarantena, alcuni cibi da evitare

Cibi contaminati
Cibi contaminati, il nuovo allarme del Ministero della Salute (foto dal web)

All’interno della clinica del National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases di Phoenix, in Arizona, si è svolta una ricerca che ha coinvolto 79 persone sane di etnie diverse. A ognuna è stata misurata la risposta metabolica rispetto a diverse diete ipercaloriche ricche di carboidrati o di grassi somministrate nell’arco di un giorno.