Coronavirus, farmaco Ivermectin potrebbe essere la svolta

Coronavirus: il farmaco antiparassitario Ivermectin uccide in 48 ore COVID-19 in laboratorio. La scoperta degli scienziati potrebbe essere la svolta

Covid-19 Mattia estubato 18enne promessa mamma
Covid-19 (Getty Images)

In Australia alcuni scienziati della Monash University in collaborazione con il Doherty Institute hanno condotto uno studio che dimostra l’efficacia del farmaco antiparassitario Ivermectin contro il Covid-19. La ricerca sottolinea che anche una singola dose del farmaco potrebbe fermare la crescita del virus SARS-CoV-2 nella coltura cellulare. “Abbiamo scoperto che anche una singola dose potrebbe essenzialmente rimuovere tutto l’RNA virale  in 48 ore – ha spiegato il dottor Kylie Wagstaff del Monash Biomedicine Discovery Institute – e che anche nelle prime 24 ore si è verificata una riduzione davvero significativa“.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Coronavirus, quanto è facile ammalarsi e contagiare

Coronavirus, la scoperta degli scienziati australiani

coronavirus
Covid-19 (Getty Images)

La scoperta arriva dall’Australia. Il farmaco Ivermectin potrebbe essere la svolta. Il prossimo passo, affermano gli scienziati, sarà quello di determinare il corretto dosaggio umano, per assicurarsi che il livello usato in vitro sia sicuro per l’uomo.  “Nel periodo in cui stiamo vivendo una pandemia globale e non esiste un trattamento approvato, se avessimo un composto già disponibile in tutto il mondo – spiegano il dottore Wagstaff –  potrebbe essere un aiuto più tempestivo per le persone”. Affinché venga usato ufficialmente per combattere il coronavirus, sono necessari finanziamenti che serviranno per i test preclinici e studi clinici. “Realisticamente ci vorrà un po’ prima che un vaccino sia ampiamente disponibile”. Concludono gli scienziati.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Ascierto: “Adesso il Tocilizumab è usato in tutta Italia e funziona”

Covid-19
Coronavirus (Getty Images)

Questo farmaco è stato già usato nel trattamento di diversi virus, come dengue, HIV, influenza e Zika, e ha avuto molto successo. Per contrastare il Coronavirus sarà ancora necessario del tempo e attendere i test sull’uomo per certificare definitivamente la sua utilità contro il COVID-19.