Covid-19, la Merkel insiste: “Il Mes una sicurezza per tutti”

La cancelliera Merkel insiste: “Ci sono linee di credito precauzionali legate a condizionalità minime. Questo permette di creare sicurezza per tutti

Cosa succede al mutuo in caso di fallimento della banca
500 euro (foto Pixabay)

“L’Europa si trova davanti alla più grande prova dalla sua nascita”. Con queste parole esordisce a Berlino in conferenza stampa la cancelliera tedesca Angela Merkel, condottiera di ferro che si sta opponendo fermamente all’Italia. Il nodo rimane lo strumento per affrontare la crisi economica conseguente alla pandemia. L’Italia con Conte esclude fermamente il Mes, strumento considerato vecchio e non consono alla portata dell’emergenza. Il Mes ha condizioni molto stringenti che non permetterebbero al paese di risollevarsi in poco tempo. “Una grande prova per la salute, tutti i membri sono colpiti. Uno shock simmetrico, come si dice in gergo tecnico”, ha affermato. “È interesse di tutti e della Germania che l’Europa ne esca forte“. “Avremo bisogno – ha aggiunto – di un programma di ricostruzione dopo questa difficile cesura, anche a livello europeo, non solo a livello delle nazioni. E anche qui la Germania è pronta a fare la sua parte”.

Leggi anche > Covid-19, dramma ad Orzinuovi

Merkel insiste con il Mes

Euro
(Foto di martaposemuckel-Pixabay)

Parole che sembrano dire tanto o nulla, ma sul Mes appare convinta a voler insistere nonostante l’opposizione ferma di un gruppo di Stati guidati dall’Italia: “Ci sono linee di credito precauzionali che sono legate a condizionalità minime. Questo permette di creare sicurezza per tutti”, ha annunciato riferendosi al Mes. I tedeschi, insomma, non demordono come è loro tradizione. La flessibilità non è tipicamente tedesca ma anche sul fronte guidato dall’Italia non emergono cenni di cedimento.

Leggi anche > Eurobond, le ragioni tedesche

Draghi è l'uomo giusto per questa emergenza
BERLIN, GERMANY – MARCH 22: German Chancellor Angela Merke. (Photo by Clemens Bilan – Pool/Getty Images

La partita non appare ancora chiusa. Il bilancio dell’Unione era lo strumento annunciato dalla Von der Leyen. La fase sembra ancora interlocutoria, almeno a parole. A breve ci sarà un nuovo consiglio tra i capi di Stato e/o di Governo dei paesi membri.