Lite tra famiglie, a Vigevano ustionati dall’acido due bambini

Due bambini di 9 e 3 anni sono stati colpiti dagli spuzzi di un acido a causa di una lite tra famiglie egiziane alla periferia della città. A colpire i piccoli una donna di 27 anni incinta

Lite tra famiglie
Ambulanza (Getty Images)

Due famiglie litigano e a rimetterci sono due bambini. Succede a Vigevano, nel Pavese. Sono due fratellini che sono stati colpiti dall’acido, un bimbo di 9 anni e la sua sorellina di soli 3 anni e mezzo. Diverse le ustioni sul corpo dei bambini che però non sarebbero gravi.

La bambina è arrivata all’ospedale Niguarda di Milano grazia all’intervento della Croce Rossa. Il bambino, invece, è stato portato all’ospedale di Vigevano dalla Croce Azzurra. Inizialmente con l’elicottero del 118 il bimbo doveva essere portato a Bergamo ma pare che i genitori si siano opposto al trasferimento.

LEGGI ANCHE –> Roma, ragazza di 15 anni muore nel sonno: tragedia nel pomeriggio

Lite tra famiglie, la vicenda in un caseggiato

lite tra famiglie
Ambulanza (foto dal web)

Le dinamiche dell’accaduto non sono ancora chiare ma da quanto appreso pare che nel corso di una lite tra famiglie una donna di 27 anni egiziana avrebbe ferito con l’acido i due bambini, figli del suo vicino 30enne, anch’egli egiziano.

Il fatto in un caseggiato di strada a San Marco a Vigevano, nel Pavese, alla periferia della città. La zona è abitata soprattutto da stranieri e più volte è stata protagonista di episodi di cronaca.

LEGGI ANCHE –> Femminicidio | lei lo ospita per la quarantena | lui la massacra

La 27enne si è scagliata contro il vicino del piano di sotto spruzzando uno sgorgante per wc composto al 98 per cento di acido solforico. L’uomo è riuscito a scansarsi ma dietro di lui c’erano i due bambini che sono stati colpiti al collo, alle braccia e alle gambe. Le ustioni che hanno riportato non sono estese ma di terzo grado.

Ambulanza
Ambulanza (Getty Images)

Secondo quanto si apprende da Repubblica la donna che ha colpito i bambini con l’acido è stata denunciata a piede libero per lesioni aggravate, niente di più perché incinta.