Cassa integrazione in arrivo. L’inps comunica la data

Ancora attesa per la cassa integrazione. Il presidente dell’Inps Pasquale Tridico annuncia la data dei pagamenti. Tutte le informazioni necessarie

cassa integrazione
(Getty Images)

Attese su attese. Bonus, cassa integrazione quando arriveranno gli aiuti dal Governo? Il 15 aprile, la prima data annunciata, è stata solo l’ennesima illusione per tutti quei lavoratori che hanno fatto richiesta. I ritardi dei pagamenti hanno scatenato discussioni e malumori tra la gente, così a calmare le acque ci ha pensato il presidente Pasquale Tridico. Ha voluto fare chiarezza sulla questione ed in particolar modo ha spiegato quali saranno i tempi di pagamento tra le diverse forme di cassa integrazione. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Bonus 600 euro: 400mila richieste respinte. Lo spiega l’Inps

Cassa integrazione, arriva o non arriva?

cassa integrazione
Soldi (foto Pixabay)

I lavoratori, a casa ormai da un mese, fremono e attendono con ansia la cassa integrazione che spetta loro. I tempi si potrebbe accorciare solo se i datori di lavoro anticipassero il pagamento, altrimenti bisognerà aspettare i tempi tecnici che per via dell’emergenza sono stati ridotti a circa 30 giorni, nella normalità sono necessari vari mesi. Il presidente Tridico ha inoltre spiegato la differenza tra cassa integrazione ordinaria e in deroga. Per quest’ultima le tempistiche saranno diverse, ecco perché i soldi non arriveranno prima della fine del mese. Un altro problema riguarda la compilazione delle richieste da parte delle regioni, alcune delle quali non hanno provveduto subito ad inviarle e per finire bisognerà aspettare il lavoro dell’Inps sulla valutazione della richiesta. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Fontana sull’epidemia: “Rifarei tutto, ora dobbiamo pensare a ripartire”

cassa integrazione
(Getty Images)

L’ipotesi che le banche potessero anticipare i soldi della cassa integrazione alle aziende così da diminuire l’attesa si è rivelata l’ennesima illusione per i cittadini. L’accordo tra Governo ed ABI dà la possibilità all’utente di richiedere l’assegno fino ad un massimo di 1400 agli istituti di credito che hanno aderito alla convenzione. Poi spetterà al lavoratore procedere con la richiesta. Il gioco vale la candela?