Covid-19, direttore Oms: “Dovrà esserci una nuova normalità”

Covid-19, il direttore dell’Oms ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni in merito alla situazione attuale. 

Coronavirus Oms
Oms (ilfattoquotidiano.it)

Il coronavirus continua a diffondersi nel mondo: i casi confermati sono più di 2 milioni e 600mila mentre sono più di 180mila i decessi. La pandemia sta mettendo in ginocchio i sistemi sanitari di tantissimi paesi e l’economia globale. Come se non bastasse, la diffusione del virus ha radicalmente cambiato le abitudini quotidiane delle persone: i governi hanno dovuto utilizzare il lockdown per ridurre il contagio. In attesa dell’inizio della fase 2 dell’emergenza -molti paesi europei stanno programmando la ripartenza- il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha svelato il suo punto di vista in merito alla situazione attuale.

LEGGI ANCHE –> Giornata mondiale della terra: diverse le iniziative nonostante il lockdown 

Covid-19, le parole del direttore dell’Oms

Coronavirus Oms
Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore Oms (GettyImages)

Tedros Ghebreyesus ha parlato in conferenza stampa a Ginevra. “Il mondo non tornerà com’era prima e non potrà tornare com’era prima. Dovrà esserci una nuova normalità con un mondo più sano e meglio preparato. Abbiamo molta strada da fare, è chiaro che il coronavirus resterà con noi a lungo”. Il direttore dell’Oms ha spiegato che le misure di distanziamento sociale e il lockdown hanno contribuito a contenere la diffusione del virus e ha ribadito che non è il momento di abbassare la guardia. “Molte persone in Paesi con le restrizioni sono frustrate e vogliono comprensibilmente uscire di casa. Questo è anche quello che vuole l’Oms e ciò per cui lavora ogni giorno”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Confronto tra test sierologici: l’esito favorirà la fase 2 

Coronavirus
(Getty Images)

Tedros ha anche affermato di mantenere le stesse misure per combattere l’epidemia nei vari paesi. Bisogna isolare e curare ogni caso ma soprattutto occorre educare e responsabilizzare i cittadini. Secondo il direttore dell’Oms, i paesi che non riusciranno a fare queste cose conteranno un maggior numero di vittime.