Coronavirus, il segreto del Sud per limitare il contagio

Secondo il virologo di fama mondiale Giulio Tarro, il segreto del Sud sta nel clima. Il mare non crea le condizioni propizie per il Covid

Meteo sole
(Getty Images)

Secondo il virologo di fama mondiale Giulio Tarro, il segreto del Sud sta nel clima. Il mare non crea le condizioni propizie per il Covid-19. Il Coronavirus, infatti, così come tanti virus, si trova al meglio in aree umide, a bassa temperatura, dove non c’è un facile ricambio d’aria. Il contrario di ciò che accade quando c’è il mare: “Il virus per diffondersi ha bisogno di spazi chiusi, scarsa ventilazione o sistemi di aria condizionata, temperature basse o umide. Il mare e la spiaggia sono l’esatto contrario di questo microclima propizio”. Detto da chi ha combattuto con tanti virus nella sua lunga carriera internazionale fa ben sperare buona parte degli italiani. Il mare è una risorsa che bagna gran parte del paese. L’estate dovrebbe, a questo punto, portare degli ulteriori vantaggi in merito.

Leggi anche > Usare le fogne contro il Covid

Il segreto del Sud e l’anticorpo che già esiste

Sole
(Getty Images)

Il noto virologo è tornato poi al vaccino, confermando la sua tesi e affermando che si può già usare ciò che c’è in natura per intervenire, senza attendere il vaccino: ” Noi accademici in questo momento siamo tutti in attesa di questo benedetto vaccino. Il vaccino che cos’è? È un anticorpo.

Leggi anche > Farmaco anti artrite, i risultati

Meteo sole
sole (Getty Images)

E noi abbiamo già un vaccino naturale negli anticorpi di chi non si è ammalato, malgrado il virus, e di chi ha contratto il virus, ma è guarito. Gli anticorpi dei guariti già ci sono! Bisogna usare il plasma dei guariti”, conclude Tarro.