La riapertura delle librerie e il peso della cultura

Le librerie hanno riaperto perchè i libri sono ritenuti beni necessari. Tuttavia, l’Italia è un paese che legge poco e non sarà comunque semplice ripartire.

La riapertura delle librerie e il peso della cultura
Libreria ariosa (foto Pixabay)

Oggi, Giornata Mondiale del Libro e della Lettura, le librerie italiane possono essere aperte in 14 regioni, oltre a una provincia autonoma.

Per arrivare a questo risultato ci sono volute campagne come quella de Il Manifesto e richieste accorate, come quella del senatore Lattanzio (M5S) che ha dichiarato, da quanto pubblicato da AgCult, riferendosi alla cultura: “è un servizio essenziale del paese anche, e soprattutto, in questa fase in cui i libri e l’intrattenimento culturale rappresentano un elemento fondamentale. La quarantena si sarebbe potuta rivelare così un fondamentale momento di avvicinamento degli italiani alla lettura, in risposta a una crisi del settore che si protrae da tempo“.

Le librerie, i libri e la cultura hanno dunque vinto anche se molto difficlmente possono assurgere a luoghi di assembramento in tempi di maggiore salute pubblica.

Infatti, in Italia si legge molto poco tant’è che l’Associazione Librai Italiani, a commento della riapertura degli esercizi, nonché della festa di oggi ha dichiarato: “In queste settimane abbiamo lavorato per dare sostegno e supporto ad una categoria già in forte sofferenza e l’apertura decisa dal governo laddove possibile è per i librai italiani un segno di speranza per una ripresa delle nostre attività che non sarà priva di ostacoli e per questo auspichiamo che quanto prima il governo metta in campo quelle misure attese da tutte le nostre imprese, creando un Fondo ad hoc con finanziamenti a fondo perduto per le librerie”.

Leggi anche —> L’ipotesi francese: la nicotina protegge dal contagio

La sorte delle librerie italiane dal punto di vista dei francesi

La riapertura delle librerie e il peso della cultura
Libreria casalinga (foto Pixabay)

Questo il contesto che ha attirato l’interesse del settimanale francese Le Point che ha pubblicato un interessante articolo intitiolato “Coronavirus: les libraires italiens à l’avant-garde du déconfinement” ovvero le librerie italiane in prima linea nella riapertura.

La Francia è uno dei paesi più interessati alla lettura in base a quanto ha verificato l’Osservatorio sulle nuove forme di consumo editoriale dell’AIE, in collaborazione con Pepe Research. Viceversa l’Italia è in fondo a questo ranking.

Secondo Le Point, che ha pubblicato un vero e proprio reportage svolto a Roma presso la libreria Altroquando, il settore faticherà molto a riprendersi. L’analisi tanto impietosa quanto realistica riguarda soprattutto le case editrici indipendenti che, in base ai dati dell’ALI, tra il 2012 e il 2017 hanno subito una diminuzione significativa: 2300 realtà in meno a causa della concorrenza senza paragoni di Amazon e in generale del commercio online.

Leggi anche—> La fase 2 nel resto d’Europa

La riapertura delle librerie e il peso della cultura
Libreria nello smartphone (foto Pixabay)

Chissà che la chiusura forzata non possa giovare a migliorare il posizionamento del nostro paese nella classifica dei lettori europei e al contempo le sorti delle case editrici indipendenti e non.

Potrebbe interessarti anche —>I Contagi in Italia Regione per Regione aggiornati alle 19.00 del 23 aprile 2020