Emergenza, aumento del bonus agli autonomi: le parole del vice ministro

Il vice ministro dello sviluppo Stefano Buffagni ha parlato delle misure economiche che potrebbero essere adottate durante la Fase 2 ai microfoni di Notizie Oggi su CanaleItalia 83: tra queste aumento del bonus agli autonomi.

Euro soldi
(Getty Images)

L’intera squadra di Governo è a lavoro per cercare di strutturare al meglio la prossima fase dell’emergenza ed introdurre misure ad hoc che possano scongiurare una seconda ondata dell’epidemia da coronavirus. Trattandosi di una crisi sistemica che ha messo in ginocchio il Paese, si sta lavorando a tutto tondo, cercando di salvaguardare soprattutto il settore economico. In merito ha parlato il vice ministro dello sviluppo Stefano Buffagni ai microfoni di Notizie Oggi su CanaleItalia 83.

Leggi anche —> Fase 2, le anticipazioni sul 4 maggio: possibili riaperture e nuove misure

Covid-19 bonus autonomi, il vice ministro dello sviluppo Stefano Buffagni: “Si stanno cercando le risorse ad hoc per ripartirle al meglio”

Euro
(Foto di martaposemuckel-Pixabay)

Per le partite Iva c’è la parte di fondo perduto, che lo scorso mese è stata di 600 euro e questa volta dovrebbe essere aumentata a 700-800. Si stanno cercando le risorse ad hoc per ripartirle al meglio, garantendo però questa volta nella seconda tornata che si vadano a garantire queste risorse a quelli meno ricchi“. Queste le dichiarazioni, riportate da Rai News, del vice ministro dello sviluppo Stefano Buffagni intervistato da Notizie Oggi, la trasmissione in onda su CanaleItalia 83. Buffagni parlando delle nuove possibili misure che potrebbero essere introdotte a livello economico ha specificato che si sta lavorando per comprendere come gestire in seguito a questa fase “gli eventuali ritardi di pagamenti“. Il vice ministro ha, inoltre, aggiunto, come riporta Rai News, che durante la seconda fase si andrà a ragionare per capire come aiutare chi ha avuto maggiori difficoltà.

Buffagni ha poi parlato di quelle imprese che non ripartiranno durante la prossima fase: “Siamo consapevoli – riporta Rai Newsche alcune imprese non ripartiranno, dunque, il reddito di cittadinanza sarà uno strumento di sostegno nel breve. Bisogna, però, garantire una ripartenza sostenibile per quelle che invece potranno ripartire“. Per quanto riguarda le pensioni, invece, il vice ministro ha rassicurato sul loro pagamento affermano che queste saranno, soprattutto dopo questa crisi, l’ammortizzatore sociale delle famiglie. Infine, Buffagni, ha concluso l’intervento ai microfoni di Notizie Oggi, parlando dell’importanza di gestire bene la prossima fase dell’emergenza, in caso contrario si rischierebbe una seconda ondata dell’epidemia che potrebbe causare altri decessi e danni immani all’economia. “È come un’economia di guerra – conclude il vice ministro- con un nemico invisibile che dobbiamo evitare di far ricrescere“.

Leggi anche —> Bagno o passeggiata al mare/lago: la risposta del Governo

L’obiettivo comune, dunque, rimane quello di cercare di far ripartire il Paese, ma con misure e precauzioni che possano evitare un ritorno dell’epidemia, il quale, a parere di molti esperti, potrebbe essere più violento della prima ondata.