Il primario: “Non avevo mai visto una schifezza come questo virus”

Il primario del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale di Cremona Angelo Pan: “Questo virus non attacca solo i polmoni ma lascia delle forti infezioni”. primario (huffingtonpost.it)Il Primario Angelo Pan (huffingtonpost.it)

Angelo Pan, primario del reparto Malattie infettive dell’ospedale di Cremona ha rilasciato un’intervista all”Huffigtonpost’: “Purtroppo non credo sia finita, l’infezione lascia strascichi con cui dovremo continuare a combattere. Di questo maledetto virus abbiamo imparato tanto, ma sappiamo ancora poco. I giorni sono stati terribili, come stare all’inferno, con i malati che continuavano ad arrivare, i letti che non bastavano mai e non avevamo nemmeno il tempo di bere un bicchiere d’acqua. Da qualche settimana arrivano pazienti che a distanza di due mesi da quando hanno avuto l’infezione hanno ancora una febbricola intermittente. E poi ci sono gli asintomatici, tutti coloro che, sebbene privi sintomi, possono infettare gli altri e sono il vero rischio adesso che si riaprirà dopo ila quarantena”. Inizialmente si pensava che il Covid-19 colpisse solo i polmoni ma: “All’inizio ci siamo focalizzati sull’aspetto polmonare che era preponderante perché un gran numero dei ricoverati in ospedale non respirava. Ma ci saranno di sicuro altre ‘sorprese’ come ogni giorno”. 

LEGGI ANCHE -> Congedo parentale, cosa accade nella fase 2| Le anticipazioni

Il primario: “Seguiamo le indicazioni del governo”

Virus Urbani ministero della Salute piano segreto gennaio
(Getty Images)

Nella Fase 2 bisognerà “seguire le indicazioni del governo: indossare la mascherina, mantenere la distanza e lavarsi spesso le mani. Non è matematico contrarre l’infezione. Io, che sono stato a contatto con pazienti ammalati ma ho sempre rispettato le regole, ne sono la prova. Nella Fase 2 bisogna proteggere gli anziani, i soggetti più deboli, e anche i bambini”.

LEGGI ANCHE -> Un meteorite sfiora la Terra: la relazione con le pandemie

Virus ricerca guariti pazienti anticorpi
(Getty Images)

“Ci saranno altri fuochi. Ma in Lombardia siamo pronti a gestire eventuali nuove situazioni. Non vorrei che altrove si sottovalutasse il problema, che è drammatico”.