In arrivo la Giornata mondiale della Risata per dimenticare il virus

Domani, domenica 3 maggio, si celebra in tutta Italia la Giornata mondiale della Risata per esorcizzare la paura del contagio da Covid-19.

sorriso
Sorriso

A un solo giorno dalla fine del lock-down, trovare la motivazione per superare la paura del contagio può avere un effetto liberatorio per tutti noi ed essere anche di buon auspicio per quella che sarà la nostra ripresa verso una riacquistata e vitale normalità. E anche per chi sta ancora vivendo momenti critici, l’occasione è data dalla Giornata mondiale della Risata che si celebra domenica 3 maggio: tutta l’Italia potrà ridere insieme in maniera virtuale per lanciare un segnale di positività e vicinanza. Questa è la sfida più grande dello Yoga della Risata: una pratica in cui si porta il proprio corpo a ridere a lungo per scelta, sostenuti dalla respirazione senza l’aiuto di qualcosa di divertente. Attraverso questa pratica si migliora l’umore e si abbassa l’ansia, si combatte lo stress, si aumenta la resilienza, si potenziano l’ossigenazione e le difese immunitarie.

LEGGI ANCHE -> Gli alimenti che tengono a bada il colesterolo

Lo Yoga della Risata dimostra che ridere è importante

Risata (pixabay)
Risate (pixabay)

“Oggi più che mai lo Yoga della Risata sta dimostrando quanto ridere in maniera incondizionata sia serio e importante – dichiara la Master Trainer di Yoga della Risata, Lara Lucaccioni -. La risata è un linguaggio universale, il mio invito è a viverla di più come pratica, soprattutto in questo periodo, insieme o anche da soli, scegliendo consapevolmente di coltivare la resilienza”.

LEGGI ANCHE -> I 5 alimenti per combattere le rughe

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale , seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Yoga (pixabay)
Yoga (pixabay)

“Partecipare domenica alla Giornata mondiale della Risata – conclude Lara Lucaccioni , alla presenza del mio Maestro Madan Kataria, sarà l’occasione giusta per scoprire la bellezza di questa disciplina”.