Barbara D’Urso senza trucco: gravi insulti dai follower

Barbara D’Urso ha pubblicato una foto in cui è si mostra senza trucco: la reazione di molti follower è senza pietà.

barbara d'urso
Barbara D’Urso – Foto Instagram da https://www.instagram.com/barbaracarmelitadurso/

Barbara D’Urso ha postato una foto su Instagram che la mostra senza trucco. Infatti, come scrive la conduttrice nella didascalia: “Sabato, struccata, accappatoio… Ma ancora per poco perché poi: prove di Live non è la D’Urso”. Tante cattiverie e frasi di cattivo gusto sono state scritte nei commenti sotto la foto nei confronti della D’Urso, che non è la prima vittima di bodyshaming. Anche altre persone sui social hanno già dovuto fare i conti con gli insulti al proprio aspetto fisico di alcuni “leoni da tastiera” che umiliano le altre persone solo per il gusto di farlo. La conduttrice di Pomeriggio Cinque in questo periodo sta ricevendo molte critiche per la qualità dei suoi programmi e il suo modo di fare informazione. Barbara D’Urso può essere contestata intellettualmente perché può piacere o no ma non si dovrebbe mai trascendere nel turpiloquio, nelle offese e soprattutto praticando il body shaming.

LEGGI ANCHE -> Michelle Hunziker, minacce dopo il caso Botteri: interviene Trussardi

I commenti impietosi nei confronti di Barbara D’Urso

barbara d'urso
Live non è la D’Urso (getty images)

Tra i tanti commenti rivolti alla D’Urso, ci sono stati i seguenti: “Che mostro! Rimetti la mascherina, ma copri la faccia”, “Con la mano si tira la pelle sul collo, con i capelli copre l’occhio che non riesce a tenere spalancato”.

LEGGI ANCHE -> Prima passeggiata dei Ferragnez dopo la quarantena | Polemiche social

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

barbara d'urso
barbara d’urso (getty images)

Ma fortunatamente ci sono stati anche dei commenti positivi: “Sembri una ragazzina”, “Sei bella anche senza trucco”. Mentre molte altre persone sono intervenute a condannare i commenti più maligni: “Che cattiverie!”, “Vergognatevi”.