Coronavirus, negativa ai tamponi ma muore per la malattia: il caso

Coronavirus, una donna risultata negativa più volte ai tamponi muore avendo contratto la malattia: scoppia il caso in un ospedale

coronavirus
(foto dal web) 

Era risultata negativa a ben otto tamponi, ma alla fine è morta di coronavirus, dopo venti giorni di ricovero in ospedale. E’ successo a Careggi, in Toscana. Elena Mariani, 45 anni, è morta lasciando i suoi familiari sgomenti nel dolore. Per fare chiarezza, la Procura di Firenze ha aperto una indagine per omicidio colposo, al momento contro ignoti.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale , seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, trovato anticorpo monoclonale capace di bloccarlo

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lavoratori al tempo del coronavirus, arriva la protesta

Coronavirus, muore: era negativa ai tamponi, ricoverata per tumore

coronavirus
Elena Mariani, 45 anni, morta di coronavirus (foto dal web)

Il fratello Franco racconta che la donna si era sentita male una prima volta il 19 marzo. Dopo una settimana di ricovero, era stata dimessa, sentendosi nuovamente male la sera stessa. Dopo altri trasferimenti, era giunta all’ospedale di Careggi il 1 aprile, dove le era stato diagnosticato un tumore al sangue. Viene ricoverata in camera sterile, dove risulta positiva dopo ben otto tamponi negativi il 23 aprile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sintomi da coronavirus, il racconto di una operatrice sanitaria straniera

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, parla lo psicologoc: “La Fase 2 può nascondere un problema”

autopsie coronavirus
(Getty Images) 

I parenti di Elena sostengono che le cose siano peggiorate a partire dalla notte tra il 17 e 18 aprile, quando nella stessa stanza è stata spostata una ragazza in attesa di trapianto. Da allora, febbre alta e tosse colpiscono Elena. Dopo essere risultata positiva, la situazione precipita rapidamente. Viene intubata e finisce in coma farmacologico. Muore il 29 aprile. L’autopsia è stata effettuata ieri. La famiglia attende delle risposte su cosa sia davvero successo.