Decreto maggio in arrivo, le ristrutturazioni saranno gratis

Decreto maggio in arrivo. Le opzioni: maxi detrazione fiscale oppure sconto del 100% sulla fattura per i lavori di ristrutturazione casa

Conte fase 2
(Getty Images)

Decreto maggio in arrivo con una grande novità allo studio per la cittadinanza. La novità riguarda le ristrutturazioni immobiliari a risparmio energetico e non solo. Sul tavolo del Governo due opzioni: maxi detrazione fiscale oppure sconto del 100% sulla fattura per i lavori di ristrutturazione casa. E’ stato il sottosegretario alla presidenza del consiglio in quota Cinquestelle, Riccardo Fraccaro, a proporre il bonus. Sarà importante per spingere nel settore edilizio e, nello stesso tempo, riqualificare dal punto di vista del consumo energetico, tante abitazioni. Si tratta nello specifico di interventi di riqualificazione sismica o energetica a costo zero per i beneficiari. Questo sarà reso possibile in due ipotesi: un credito d’imposta del 110% alle imprese che faranno i lavori, che non costerà nulla, quindi, al cittadino che avrà i lavori; l’altra ipotesi è lo sconto dell’intera fattura, che sarà poi erogata dallo Stato alle imprese.

Leggi anche >  Fase 2, la previsione di Conte per l’estate

Decreto maggio in arrivo: pronto il bonus ristrutturazioni

funerali
Lamorgese e Conte (GettyImages)

Per quanto riguarda il periodo valido per poter usufruire della grande opportunità in arrivo, dalla bozza del decreto emergono i seguenti riferimenti temporali. Spese di ristrutturazioni sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021; interventi di recupero o restauro della facciata esterna di edifici effettuati dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2021.

Leggi anche > Covid, niente bollo auto in una Regione

Covid-19
Borrelli e Conte (ecodibergamo.it)

In questo momento di grave crisi economica e sociale abbiamo immaginato una proposta shock per il settore dell’edilizia e per il rilancio degli investimenti privati, ha affermato nella nota esplicativa il Governo. E’ una misura che servirà a scuotere il Pil dopo l’arresto di questi mesi e, nello stesso tempo, creare occupazione.