Andrea Crisanti: “Il virus non è mutato per nulla”

Andrea Crisanti, direttore di microbiologia dell’Università di Padova, è stato ospite del programma televisivo di Rai Due ‘Che tempo che fa’ per parlare del Coronavirus. 

Andrea Crisanti
Andrea Crisanti (il gazzettino.it)

Andrea Crisanti ha parlato a ‘Che tempo che fa’, il programma televisivo condotto da Fabio Fazio in onda su Rai Due ieri sera. Il direttore di microbiologia dell’Università di Padova ha detto: “Il virus non si definisce con l’aggettivo potente ma si definisce con due parametri: virulenza e R0. Non vi sono evidenze che siano diminuiti la virulenza e il R0. Quello che è diminuito è la carica infettante, visto che si sa che anche in altre malattie la carica infettante ha un ruolo fondamentale e determinante per il decorso della malattia”.

LEGGI ANCHE -> Bonus e cassa integrazione: in arrivo il Decreto Rilancio

Andrea Crisanti: “Il virus non è cambiato per niente”

Andrea Crisanti
(screenshot)

“Se mi infetto con 10 virus – continua Crisanti -, è diverso rispetto a una situazione in cui mi infetto con 1 milione di virus. Il virus non è mutato e non è cambiato per niente”.

LEGGI ANCHE -> Accordo Stato-Regioni, De Luca frena e attacca: “Nessuna unanimità”

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter 

Crisanti

 

“Quando un virus entra in una nicchia ecologica, nel caso specifico siamo noi, la cosa più probabile che succeda è un aumento di virulenza” – conclude Andrea Crisanti.