Christine Lagarde: “Sì alla proposta franco-tedesca”

Christine Lagarde, presidente della BCE è pronta ad affrontare la crisi accettando la proposta franco-tedesca. 500 miliardi come fondo per la ripresa

lagarde
lagarde (getty images)

In arrivo l’approvazione da Lagarde riguardo all’idea franco-tedesca di stanziare un fondo da 500 miliardi nel quadro del prossimo bilancio pluriennale dell’Unione Europea. La presidente della BCE afferma: “Il fondo per la ripresa è ambizioso, mirato e benvenuto – spiega – Apre la strada a un’emissione di debito a lungo termine effettuata dalla Commissione europea e soprattutto permettono di attribuire aiuti diretti importanti a favore degli Stati più colpiti dalla crisi”. La Commissione europea potrà indebitarsi sui mercati per conto dell’Ue, rispettando il trattato, del quadro di bilancio e dei diritti dei Parlamenti nazionali. E’ questa la proposta da parte di Francia e Germania per affrontare la crisi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Il piano anti-crisi dell’UE si scontra con il blocco della Germania

Lagarde, sì alla proposta

lagarde
presidente (getty images)

La presidente della BCE, banca centrale Europa, ha approvato la richiesta da parte delle nazioni Germania e Francia. La prima cosa sarà l’emissione di debito comune da parte delle istituzioni europee. Sembra che i fondi vengano concessi come sovvenzioni e non prestiti, a disposizione delle regioni e dei settori più colpiti dalla pandemia e dalla crisi. L’annuncio con tutte le disposizioni del caso provengono dalla governatrice Angela Merkel dopo un vertice in videoconferenza con Emmanuel Macron. Lagarde risponde: “Il coronavirus è una buona opportunità per modernizzare il Patto di stabilità e di crescita”. Continua: “la Bce deve perseguire una politica monetaria accomodante quanto necessario per stabilizzare, allo stesso tempo, l’inflazione e l’economia – spiega – dobbiamo assicurarci che la politica monetaria si trasmetta a tutti i Paesi dell’area euro, in tutti i settori”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Virus, nel Veneto test nelle fabbriche | I dati parlano chiaro

Lagarde
Lagrde (getty images)

Conclude: “È la ragion d’essere di quel nostro strumento eccezionale che è il Pandemic Emergency Purchase Programme (Pepp)”.