Virus, le pillole di ottimismo del virologo Guido Silvestri

Il virologo Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta: “Niente segni di ritorno di fiamma del virus”. Il parere dell’esperto

Coronavirus
virus (Getty Images)

Il virologo Guido Silvestri è molto positivo riguardo alla curva dei contagi. Lo spiega nello spazio che ha chiamato ‘Pillole di ottimismo’ sulla sua pagina Facebook: “Siamo al 52esimo giorno consecutivo di calo dei ricoveri in terapia intensiva per Covid-19 in Italia – afferma – da 553 a 541, e siamo ormai al 13.26% del picco”. Inoltre – continua – a 22 giorni di distanza dalla riapertura del 4 maggio, non ci sono segni di ritorno di fiamma del virus”. Ecco quello che riporta nel suo bollettino quotidiano sulla situazione dell’emergenza coronavirus.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Covid-19, scende il numero dei decessi in Italia: i motivi secondo gli esperti

Virus, il parere di Silvestri

Coronavirus
virus (GettyImages)

Per il virologo Silvestri il virus non porterà una seconda ondata, almeno per adesso. La situazione sta migliorando non solo in Italia ma anche in tutto il resto del mondo. “In Germania – spiega l’esperto – si registra una progressiva attenuazione dell’impatto sanitario di Covid-19, con 298 casi (ieri 431) e solo 10 morti – continua – In Francia 35 morti, uno dei conteggi più bassi da diverse settimane, mentre si segnalano solo 6 decessi in Svezia – conclude – Nel mondo ieri il numero dei morti/giorno è il più basso da marzo”. Silvestri parla poi di alcuni studi di vaccini. Arrivano segnali positivi. “In entrambi, i vaccini inducono la produzione di anticorpi che neutralizzano il virus – spiega – e nello studio di Jingyou Yu”, quello pubblicato su Science, “proteggono dalla malattia. L’ottimismo viene dalla scienza”, conclude Silvestri.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Movida e giovani, quando si vedranno gli esiti | Lo dice Lopalco

dati di contagio
(Getty Images)

Speriamo che le parole dell’esperto rispecchino la realtà dei fatti. Piano piano riusciremo ad uscire dal tunnel che due mesi e mezzo fa ci ha catapultati all’improvviso in una vita surreale.