Novità riguardo al bonus baby sitter, l’annuncio dell’Inps

In arrivo novità sul bonus baby sitter. L’Inps annuncia: “Anche per nonni e zii, purché non siano conviventi”. Come richiederlo

bonus baby sitter
nonna e nipote (pixabay)

Le novità in questo 2020 non finiscono mai. Arrivano buone notizie dall’Inps, anche zii, nonni e cugini potranno usufruire del bonus baby sitter, ma non quelli conviventi. L’Istituto nazionale della previdenza ha specificato che il voucher, di massimo 1.200 euro da utilizzare per prestazioni di assistenza e sorveglianza dei figli sotto i 12 anni nel periodo di chiusura della scuola introdotto dal Decreto Rilancio, potrà essere indirizzato anche ai propri familiari non coabitanti. Di seguito tutte le indicazioni necessarie per fare richiesta.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>L’epidemiologo Lopalco: “Non possiamo far finta che la pandemia sia finita”

Bonus baby sitter, come fare la richiesta

bonus baby sitter
novità inps (pixabay)

Per richiedere il bonus sia i genitori che il baby sitter dovranno essere iscritti al portale Inps attraverso Pin ordinario o dispositivo, Spid (Sistema pubblico di identità digitale), Carta d’identità elettronica o Carta nazionale dei servizi. Una volta accettata la richiesta del bonus, entro 15 giorni il richiedente riceverà la somma sotto forma di voucher che verrà erogato attraverso il Libretto Famiglia, un libretto nominativo prefinanziato, presente sul portale Inps. Il bonus è diverso rispetto al congedo parentale Covid, quindi chi ha già ottenuto il congedo per un periodo non superiore ai 15 giorni potrà beneficiare di una cifra da 600 a mille euro, facendo riferimento sempre alla seconda della categoria di appartenenza, fermo restando la possibilità di presentare domanda per i giorni residui di congedo non precedentemente fruiti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Naufragio nel mar Egeo: disperse 4 persone al largo della Turchia

contanti
soldi (Getty Images)

Una nuova iniziativa da parte dell’Inps per aiutare le famiglie in un periodo delicato come questo. Durante l’emergenza coronavirus sono state tante le difficoltà da affrontare e ce ne saranno ancora molte.