Una mamma romana incastrata tra bonus baby-sitter e centro estivo

Laura Marchioro è una lavoratrice che ha ottenuto il contributo baby-sitter, ma ora – arrivata la possibilità di frequentare i centri estivi – non riesce a convertirlo. La risposta dell’Inps è una “non risposta”

Bonus baby-sitter e centri estivi
Getty Images

Sono partite ormai da diverse settimane le domande per richiedere il bonus baby-sitter e centri estivi ma le specifiche da parte dell’Inps non sono state delle più chiare. A farne le spese una mamma romana di 44 anni, Laura Marchioro, impiegata full time come anche il marito con cui ha due figlie di 9 e 12 anni. La coppia ha richiesto all’Inps il sussidio per baby-sitter il 4 giugno che è arrivato tempestivo tre giorni dopo con addebito nel libretto famigliare.

Tutto bene fin qui. Per niente. “Le regole per ricevere il bonus baby-sitter sono arrivate prima di quelle sui centri estivi, se fossero uscite insieme io avrei scelto i centri!“, spiega Laura.

La signora non è riuscita a trovare una ragazza che possa badare alle figlie mentre lei e il marito lavorano e ora che sono cominciati i centri estivi si ritrova con 1200 euro inutilizzabili perché non possono essere riconvertiti. Non è una che cambia idea in fretta: semplicemente le informazioni sul sostegno per baby-sitter e centri estivi sono uscite in due momenti diversi. E lei ci è finita schiacciata in mezzo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, chi avrà precedenza sul vaccino

Dopo aver contattato repentinamente l’Inps una responsabile al telefono le ha risposto che “Il cambio non è previsto, non abbiamo indicazioni. Scriva al sito dedicato My Inps per chiarimenti“. I chiarimenti sono arrivati ma l’Inps dà solo i dettagli bancari sul meccanismo di erogazione del pagamento del centro estivo, non spiega affatto come convertirli.

Risposta Inps
La risposta dell’Inps a Laura Marchioro (Web)

Dopo mesi di isolamento e lockdown – spiega – vorrei fare stare Anna e Lia con altri bambini e ragazzi, far fare loro qualcosa di bello all’aria aperta“. Ma al momento questa cosa è infattibile ed è costretta ad alternarsi con il marito in smart working da casa per badare alle figlie.

Facciamo chiarezza: chi può richiedere il bonus baby-sitter e bonus centri estivi?

LEGGI ANCHE —–> Tragico schianto in moto: giovane centauro perde la vita

Può ricevere il bonus:

  • chi non ha mai presentato la domanda per la prestazione bonus baby sitter
  • chi ha già fruito del primo bonus baby sitter da 600 euro (1.000 euro per gli operatori sanitari): questi ultimi posso richiedere un importo integrativo al precedente che non superi il totale di 1.200 euro (o 2.000 per gli operatori sanitari).
Bonus centri estivi e baby-sitter
Web

Il bonus spetta alle famiglie di:

  • lavoratori dipendenti del settore privato
  • lavoratori iscritti alla gestione separata dell’Inps
  • autonomi iscritti all’Inps o ad altre casse previdenziali

Ricordiamo, in base ciò che è successo a Laura, che non è possibile chiedere contemporaneamente il bonus baby sitter e centro estivo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter