Coronavirus, il bollettino del 9 luglio: 229 nuovi casi

Il Ministero della Salute nella giornata di oggi, giovedì 09 luglio, ha aggiornato il bollettino dell’epidemia da coronavirus in Italia.

(Getty Images)
(Getty Images)

Il Ministero della Salute ha aggiornato lo stato dell’epidemia da Covid-19 in Italia attraverso la tabella sanitaria pubblicata sul proprio sito. Stando a quest’ultima i casi di contagio con un incremento di 229 sono saliti a 242.363. Scende il numero dei soggetti attualmente positivi che ammontano a 13.459, ossia 136 in meno rispetto alla giornata di ieri. Tornano in calo i ricoveri in terapia intensiva: 69 in totale, 2 in meno di ieri. Segnalati nuovi 338 guariti che portano il bilancio totale dall’inizio dell’emergenza a 193.978. Infine con 12 decessi nelle ultime 24 ore il numero dei morti nel nostro Paese è salito a 34.926. Nella tabella si legge che la Regione Emilia Romagna ha eliminato 15 casi perché doppioni.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di mercoledì 08 luglio

Coronavirus
(Getty Images)

Stando ai dati di ieri, i casi complessivi di contagio erano saliti a 242.149. Ancora in calo i soggetti attualmente positivi che risultavano essere 13.595. Saliti, invece, i pazienti ricoverati in terapia intensiva per un totale di 71 ricoveri. Il numero delle persone guarite era giunto a 193.640. Si aggravava il bilancio dei decessi, per un totale dall’inizio dell’emergenza di 34.914 morti.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino dell’8 luglio: oltre 800 nuovi guariti

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di martedì 07 luglio

Stando alla tabella sanitaria, le persone risultate positive al virus erano salite a 241.956. I soggetti attualmente positivi risultavano essere 14.242, mentre le persone ricoverate in terapia intensiva 70. I guariti salivano a 192.815 ed il bilancio dei decessi  a 34.899. Il Ministero, all’interno della tabella, ha precisato che la Regione Puglia aveva sottratto un caso al totale poiché duplicato in precedenza.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 7 luglio: 30 decessi nelle ultime 24 ore

Bergamo, aspettativa di vita torna quella di 20 anni fa per via del Covid-19

Le aspettative di vita a Bergamo sono tronate quelle del 2000, ossia quelle di 20 anni fa. Questo quanto comunicato da Gian Carlo Blangiardo, presidente dell’Istat. Il dato è da ricondursi al duro colpo sferrato alla provincia dal Covid-19.

Secondo stime attendibili –riporta Fanpage l’ipotetica tavola di mortalità del 2020 vede i numeri della provincia di Bergamo come quelli della tavola dell’anno 2000. In sostanza si è tornato indietro di 20 anni“. In altre province la situazione non è migliore, si parla di un ritorno al passato di almeno 10/15 anni.

Intervistato al Forum Pa 2020, Blangiardo ha aggiunto che non è il numero dei decessi a livello nazione quello drammatico, ma quello a livello locale. Un numero che richiederà approfondite indagini per comprendere come si sia giunti a questo punto.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Bergamo, aspettativa di vita torna quella di 20 anni fa per via del Covid-19

Il professor Silvestri: “Prepararsi ad una seconda ondata, è una possibilità reale”

A parlare sono i dati, o meglio gli studi sui virus respiratori nei climi non-tropicali. Una seconda ondata, in virtù di essi, sarebbe dunque una possibilità non così remota. Ad affermarlo il virologo Guido Silvestri il quale si è affidato ad un lungo post su Facebook per spiegare quale sia il quadro attuale e ciò che potrebbe riservarci il futuro.

Pensiamo che ormai sia chiaro a tutti come COVID-19 in Italia sia in fase di tregua, con pochi contagi che fanno intravedere una progressiva endemizzazione del virus. Come abbiamo detto spesso – scrive il professor Silvestri- basandoci sulla osservazione classica della stagionalità dei virus respiratori nei climi non-tropicali, una seconda ondata di COVID-19 a fine autunno/inizio inverno è una possibilità molto reale“.

Parole che di certo rialzano l’asticella del timore nei cittadini, ora più tranquilli rispetto al mese di marzo, quando il Governo dispose il lockdown e Borrelli in televisione, ogni giorno, comunicava un bollettino con numeri da brividi.

Il professor Silvestri prosegue spiegando che se da un lato è probabile una recrudescenza del virus, dall’altra non è possibile sapere quanto sarà grave. Sul punto però è chiaro, farsi cogliere alla sprovvista sarebbe un gesto da veri irresponsabili. Un concetto più e più volte ribadito, rimarca il virologo.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Il professor Silvestri: “Prepararsi ad una seconda ondata, è una possibilità reale”

Coronavirus, Fauci avverte: “Siamo solo all’inizio, la pandemia peggiorerà”

Anthony Fauci, ex consulente del Presidente Usa Donald Trump, non cambia posizione sul virus. La pandemia non si è estinta, il virus non è scomparso. Raggiunto dai microfoni de Il Corriere della Sera il noto virologo è stato lapidario.


Fino a quando non verrà prodotto il vaccino (si pensa nel 2021), nessun Paese sarà al sicuro. Bisognerà prestare massima attenzione perché è possibile che ad attendere il Pianete ci sia una diffusione del virus ancor più ampia.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, Fauci avverte: “Siamo solo all’inizio, la pandemia peggiorerà”