Covid-19 Italia: Speranza blocca l’ingresso a 13 paesi

Covid-19 Italia, il ministro della salute Roberto Speranza ha bloccato l’ingresso a 13 paesi. 

Roberto Speranza
Il ministro della Salute Roberto Speranza (Getty Images)

L’Italia continua ad affrontare la minaccia legata al coronavirus. Da qualche giorno la curva epidemica è tornata a salire: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 229 nuovi casi, in netto aumento rispetto ai 193 di ieri e i 138 di martedì. Tra ieri e oggi ci sono stati altri 12 decessi: il totale delle vittime è salito così a 34.926. Per ridurre il rischio, il ministro della salute Roberto Speranza ha optato per una linea di massima prudenza chiudendo il nostro paese a 13 Stati. Speranza, in accordo con i ministri degli Esteri, dell’Interno e dei Trasporti, ha firmato una nuova ordinanza valida fino al 14 luglio. Nel mondo la situazione è estremamente complicata: il numero dei casi continua a salire in modo vertiginoso. Per evitare rischi, il Governo ha quindi valutato questa nuova misura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Coronavirus, Fauci avverte: “Siamo solo all’inizio, la pandemia peggiorerà”

Covid-19, Italia chiusa per 13 paesi

Brasile-Covid-19
Brasile-Covid-19

L’Italia, come prima misura per ridurre la diffusione del virus importato dall’estero, ha deciso di lasciare l’obbligo di quarantena di due settimane per chiunque arrivi da fuori. La linea nuova prevede una chiusura totale per 13 paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Oanama, Perù e Repubblica Dominicana. E’ vietato l’ingresso in Italia anche per chi vi ha transitato in questi paesi negli ultimi 14 giorni. Come se non bastasse, sono vietati i voli diretti e indiretti sia in arrivo che in partenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Coronavirus: allarme sui danni al cervello, lo studio

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

 

Roberto Speranza
Il ministro della Salute Roberto Speranza (Getty Images)

Nel mondo i casi positivi confermati hanno superato la soglia dei 12 milioni: stando a quanto riferito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, i casi sono raddoppiati in 6 settimane.