Beve bibita gelata al bar: ragazzo muore dopo le dimissioni dall’ospedale

Un ragazzo di 28 anni è deceduto a Roma dopo essere stato dimesso dall’ospedale: il giovane si era presso il nosocomio a seguito di dolori addominali avvertiti dopo aver bevuto una bibita gelata.

Bibita con ghiaccio
Bibita con ghiaccio (Foto di photoAC-Pixabay)

Lo scorso 9 luglio, un ragazzo di 28 anni è deceduto poco dopo essere stato dimesso dal Policlinico di Tor Vergata. Il giovane si era recato al nosocomio per dei dolori all’addome. Stando alle prime informazioni, pare si fosse sentito male dopo aver bevuto un bicchiere di una bibita gelata.

Recatosi in ospedale, dopo le visite del caso, aveva lasciato la struttura per rientrare a casa, dove aveva continuato ad accusare malessere. Messosi a letto per riposare, purtroppo non si è più risvegliato ed i medici del 118, giunti sul posto, non hanno potuto far altro che costatarne il decesso. A stabilire le cause della morte del 28enne sarà l’esame autoptico già disposto dall’autorità giudiziaria. Aperto dalla Procura di Roma un fascicolo d’indagine per omicidio colposo.

Leggi anche —> Trovato giovane nudo e cosparso di benzina: “Aiutatemi, mi vuole uccidere”

Roma, ragazzo beve una bibita ghiacciata: muore poche ore dopo aver lasciato l’ospedale

terra dei fuochi
Ambulanza (Getty Images)

Un operaio romeno di 28 anni è morto nella sua abitazione a Roma lo scorso 9 luglio poche ore dopo essere stato dimesso dal Policlinico di Tor Vergata, dove si era recato per dei dolori all’addome. Quest’ultimi avrebbero colpito il 28enne dopo aver che aveva bevuto una bibita gelata in un bar della Capitale. L’operaio è stato trasportato al Pronto Soccorso in ambulanza, a bordo della quale, come riporta Il Corriere della Sera, è rimasto sei ore per via dell’emergenza Covid-19. I mezzi del 118, difatti, per evitare assembramenti nelle sale d’attesa, sono state dotate degli strumenti e dei confort necessari in modo da poter ospitare i pazienti anche per alcune ore. Dopo i controlli da parte dei medici, il 28enne è rientrato a casa e, pur lamentando ancora dei dolori, si è messo a dormire, ma purtroppo non si è più risvegliato. Inutili i tentativi dei soccorsi, contattati dalla moglie, che al loro arrivo hanno potuto solo constatare la morte dell’operaio.

Sulla vicenda la Procura di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, ma al momento non risultano esserci indagati. Gli inquirenti stanno cercando di accertare eventuali responsabilità del personale sanitario legate al decesso, sul quale a far chiarezza sarà l’autopsia, già disposta dall’autorità giudiziaria.

In merito, attraverso una nota, il Policlinico di Tor Vergata ha spiegato che sarebbe stato il 28enne a firmare le dimissioni contro il parere del medico: “Il giovane – afferma lo staff del Policlinico, come riporta Il Corriere della Seraè giunto presso il Policlinico in tarda mattinata. Preso in carico dal pronto soccorso, ha eseguito quanto necessario relativamente alla sintomatologia riferita. In serata – si legge nella nota –rivalutato nuovamente dal personale medico, ha rifiutato la proposta di ricovero e alle 22.04 ha firmato la sua uscita contro il parere dei sanitari“.

Leggi anche —> Tragico schianto, muore giovane ragazza

Ambulanza incidente mortale
Ambulanza (Getty Images)

Dovranno attendersi, dunque, i risultati dell’esame autoptico.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Bibita con ghiaccio
Bibita con ghiaccio (Foto di photoAC-Pixabay)