Caso Cucchi e processo depistaggio, parla il testimone: Era conciato male

Caso Cucchi, parla il luogotenente Giancarlo Silvia, del Nucleo comando della compagnia Roma-Casilina, nel corso della sua testimonianza

Amanda sorvegliante
(foto dal web)

Sul caso Cucchi è ancora in corso il processo per depistaggio. Concluso quello relativo alla dinamica dei fatti con le condanne agli agenti coinvolti, ora va portato a termine quello relativo ai tentativi di depistare. In tal senso ha parlato un testimone: si tratta del luogotenente Giancarlo Silvia, del Nucleo comando della compagnia Roma-Casilina, nel corso della sua testimonianza davanti ai giudici del tribunale di Roma: “Un militare del Nucleo operativo, di ritorno dall’udienza di convalida di Stefano Cucchi, disse che il giovane era conciato male, tanto che aveva difficoltà a camminare”.Queste le parole rilevanti affermate nell’ambito del proceso per i presunti depistaggi sul caso del giovane Stefano Cucchi morto ad una settimana dal suo arresto per spaccio.

Leggi anche > Mangia gelato e muore, tragedia ad un bambino

Caso Cucchi, parole forti del testimone

Tribunale martina rossi
(Getty Images)

Giancarlo Silva svolge il ruolo di ‘caposcrivano’ nell’ufficio. Da questa base partono le sue testimonianze chiave che potranno fare luce anche sul depistaggio, per ora presunto del caso. Al pm Giovanni Musarò e dei legali di parte civile, ha dichiarato che “quella confidenza” su Cucchi non fu riferita a lui direttamente e che comunque lui non approfondì e “nemmeno l’ha rappresentata” successivamente ai suoi superiori. Ecco uno scorcio sostanziale dello scambio di domande e risposte tra il pm e Silva in udienza: “A 4 giorni dalla morte di Stefano Cucchi”, ha osservato il pm.

Leggi anche > Veneto, isolato ceppo serbo

Ragazzi morti Terni gip
carabinieri (foto dal web)

“E’ usuale una nota del genere per un arresto di spaccio di droga?“No, certamente”, ha detto il luogotenente Silvia. Subito dopo il testimone ha affermato che nell’Arma dei carabinieri quanto c’è un militare coinvolto si redige un ‘Rapporto sul fatto’ e che per la vicenda Cucchi questo non è avvenuto.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter