Caserma sottoposta a sequestro, arrestati dei carabinieri: numerose le ipotesi di reato

A Piacenza è stata sequestrata una caserma dei carabinieri e 18 persone sarebbero state arrestate, tra cui sei militari dell’arma, accusate a vario titolo di arresti illegali, torture, lesioni, estorsioni e spaccio di droga.

Carabinieri
(foto dal web)

Una caserma dei carabinieri è stata posta sotto sequestro e sei militari dell’arma sono finiti in manette. Questo è quanto accaduto nelle scorse ore a Piacenza in seguito ad un indagine coordinata dal procuratore della Repubblica Grazia Pradella che a breve terrà una conferenza stampa sui fatti. Le accuse, come riporta Il Corriere della Sera, sarebbero di arresti illegali, torture, lesioni, estorsioni e spaccio di droga, reati commessi a partire dal 2017. Oltre ai sei carabinieri, uno dei quali sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, sono state arrestate altre 12 persone.

Leggi anche —> Ritrovato morto l’imprenditore Loris Colusso: era scomparso da giorni

Piacenza, sequestrata caserma degli orrori: in manette 18 persone, tra cui sei carabinieri

Carabinieri
Carabinieri (Getty Images)

Per la prima volta nel nostro Paese una caserma dei carabinieri è stata sequestrata. È accaduto a Piacenza, dove sono state emesse anche ordinanze d’arresto nei confronti di sei carabinieri, uno agli arresti domiciliari, e altre 12 persone. I reati contestati, commessi a partire dal 2017, come riporta la redazione de Il Corriere della Sera, sono di torture, lesioni, arresti illegali estorsioni e spaccio di droga. Vittime dei presunti reati sarebbero spacciatori, immigrati e semplici cittadini a quanto parrebbe innocenti.

Tra le ipotesi d’accusa ci sarebbe anche quella di certificazioni fornite da un militare dell’arma per consentire ad alcuni spacciatori del capoluogo di provincia emiliano di recarsi a Milano per rifornirsi di sostanze stupefacenti. Inoltre, secondo l’accusa, si sarebbero registrati episodi come pestaggi, appropriazione di droga ed un cittadino arrestato ingiustamente sarebbe stato picchiato dopo essere stato accusato di spaccio di sostanze stupefacenti mediante prove false, costruite ad arte in modo da giustificarne l’arresto.

Il tutto sarebbe emerso da un’indagine condotta dal neo procuratore della Repubblica Grazia Pradella. Il procuratore, come riferisce Il Corriere, alle 12 terrà negli uffici della Procura una conferenza stampa su quanto accaduto.

Leggi anche —> In cinque in auto e senza mascherina: scatta maxi multa da oltre 2.600 euro

Carabinieri
Carabinieri (Getty Images)

L’indagine, riporta Il Corriere della Sera, è stata avviata a seguito di una segnalazione di un ufficiale dei carabiniere che ha lavorato a Piacenza ed avrebbe denunciato i fatti agli inquirenti.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter