Sgominata baby gang a Roma, terrore a Trastevere tra furti e rapine

La baby gang era composta da tre giovani romani, tutti studenti, due ragazzi e una ragazza. Adesso gli attende la comunità  

Bambino morto esperimento maestre sconsigliato
(foto dal web)

Un baby gang dedita a furti e rapine che operava nella Capitale è stata sgominata dai carabinieri. Trastevere, il quartiere nel centro di Roma, era il luogo in cui la band agiva commettendo rapine, furti, scippi molto frequenti. Le azioni soprattutto sono state commesse nel mese di giugno.

I Carabinieri della Stazione Roma Trastevere hanno individuato i giovani, li hanno fermati ed eseguito l’ordinanza del collocamento in comunità emessa dal dal Gip del Tribunale per i minorenni di Roma, su richiesta della Procura.

Tre i soggetti in questione sono romani, residenti in città e nell’hinterland: una ragazza e due ragazzi. Gli agenti hanno accertato che nel solo mese di giugno hanno attivato due rapine aggravate, un furto con strappo e una tentata rapina aggravata in concorso nei confronti di altri ragazzi, tra cui anche alcuni minorenni, tutti frequentatori del quartiere Trastevere.

LEGGI ANCHE —–>  Piacenza, arrestati 10 carabinieri: torture e spaccio in stile Gomorra

Sgominata baby gang a Roma, le indagini e il fermo

Perchè anche tenere i soldi sul conto può non essere sicuro
Sacco di soldi (foto Pixabay)

Le attività d’indagine sono state dettagliate e avviate in seguito a dei reati contro il patrimonio e la persona che erano stati segnalati in quanto si verificano frequentemente a Trastevere. Le indagini alimentate da testimonianze sul posto, tabulati telefonici e immagini di videosorveglianza degli impianti del quartiere hanno condotto senza dubbi ai giovani fermati.

Ai tre sono da ricondurre “inequivocabilmente” quattro episodi criminali. È in questi casi che alle povere vittime sono stati sottratti molti effetti personali come telefoni cellulari, borse con documenti e denaro contante. Un bottino niente male che ammonta a circa 2mila euro.

I giovani sono studenti che frequentano degli istituiti secondari ma due di loro non sono nuovi ad episodi di questo genere. Vantano, infatti, precedenti proprio per reati contro il patrimonio.

LEGGI ANCHE —–> Ritrovato morto l’imprenditore Loris Colusso: era scomparso da giorni

pensione
Soldi (foto Pixabay)

Ecco che per loro si sono aperte le porte delle comunità rimanendo a disposizione dell’autorità giudiziaria per rispondere di furto con strappo, tentata rapina aggravata e rapina aggravata in concorso.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.