La Carta d’Identità sugli smartphone. Nuova app gratuita Android e iOS

La Carta d’Identità. Dopo la versione elettronica richiedibile presso il proprio comune, arriva la versione digitale scaricabile tramite app gratuita per smartphone

Carta d' Identità
Carta d’ Identità – Foto dal Web

La versione cartacea della Carta d’Identità andrà via via scomparendo. E’ diventata infatti obsoleta, facilmente deperibile. Alzi la mano chi non l’ha mai strappata o dimenticata nella tasca dei pantaloni finiti in lavatrice.

E’ stata sostituita da una versione elettronica, plastificata (CIE). Ha la forma di una tessera, simile a quella della patente. Fatta in policarbonato, su di essa sono stampati foto e dati del cittadino. Prodotta con metodi di anticontraffazione, come ologrammi e inchiostri speciali, contiene anche un microchip contactless. In esso sono conservati dati personali, impronte del titolare, informazioni per consentire l’autenticazione in rete per accedere a servizi di  pubbliche amministrazioni e dati per la fruizione di servizi aggiuntivi, sia in Italia che in Europa.

Leggi anche >>> FACEBOOK RAZZISTA. MAGGIOR CONTROLLO SUGLI ALGORITMI DEL SOCIAL NETWORK

Carta d’Identità, pronta l’app per Android e iOS

Carta d' Identità
Documenti – Foto dal web

Esiste adesso una successiva evoluzione della Carta d’Identità che bypassa qualsiasi altro supporto materiale. Realizzata dalla Zecca di Stato con il patrocinio del Ministero dell’Interno, esiste adesso un’ app per smartphone (Android e iOS) in cui configurare la propria identità. Tutto ovviamente nel rispetto dei protocolli di sicurezza.

Questa Carta d’Identità digitale è ovviamente più versatile e moderna, si usa tramite near-field communication (NFC), ossia una tecnologia di ricetrasmissione che fornisce connettività senza fili bidirezionale a breve distanza.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale , seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

La Zecca di Stato in un comunicato riferisce: “E’ un modo per allargare ai i 15 milioni di cittadini che hanno già una CIE la possibilità di autenticarsi in sicurezza ai servizi digitali di pubbliche amministrazioni“.

LEGGI ANCHE —> WhatsApp, come scoprire se qualcuno spia le nostre chat