Stava per essere sepolta viva, 20enne si risveglia all’obitorio

Detroit, Timesha dichiarata morta dai medici, è stata portata in obitorio dove il personale ha notato che respirava ancora

Timesha Beauchamp (foto dal web)
Timesha Beauchamp (foto dal web)

Timesha Beauchamp stava per essere sepolta viva. Forse è uno degli incubi peggiori in cui nessuno vorrebbe trovarsi mai nella vita, men che meno in punto di morte. La 20enne originaria di Southflied (Detroit) nel Michigan, si è risvegliata all’obitorio mentre gli operatori delle pompe funebri stavano eseguendo le procedure per l’imbalsamazione.

Ma vediamo l’antefatto. Dopo esser stata trovata priva di sensi domenica scorsa, il personale medico accordo non era riuscito a rianimarla e l’aveva dichiarata morta. La ragazza però ha continuato a respirare e, quando gli operatori delle pompe funebri se ne sono accorti, sono riusciti ad evitare il peggio.

LEGGI ANCHE -> USA, Jacob Blake paralizzato dalla vita in giù. Lebron James: “Gli afroamericani hanno paura”

Timesha, affetta da problemi di natura fisica fin dalla nascita che la costringono a particolari cure mediche, era stata trovata domenica mattina esanime in casa a seguito di un arresto cardiaco. La famiglia ha immediatamente contattato i paramedici, che una volta giunti in casa hanno eseguito varie procedure di rianimazione senza però esiti positivi.  È stata così dichiarata morta sul posto dai paramedici, come ha riferito il capo dei vigili del fuoco di Southfield, Johnny Menifee.

A quel punto è stata avviata la procedura operativa standard: un medico del pronto soccorso è stato chiamato sul luogo e, dopo aver esaminato la paziente, l’ha dichiarata deceduta. Il Southfield Fire and Police Departments ha confermato che la paziente è stata dichiarata deceduta in seguito alle informazioni fornite dal personale medico presente sul luogo.

Timesha ora è in condizioni critiche all’ospedale

Pompe funebri (foto dal web)
Pompe funebri (foto dal web)

Geoffrey Fieger, avvocato della famiglia Beauchamp, intervistato da WXYZ ha spiegato che anche la madrina, un’infermiera di professione, aveva misurato il polso a Timesha senza percepire nulla. “Stavano per sigillare la bara – ha dichiarato l’avvocato di famiglia Geoffrey Fieger -, stava per vivere il peggiore degli incubi, essere seppellita viva”. L’avvocato ha fatto sapere anche che c’è stato un ritardo di un’ora e mezza nel trasporto della giovane dalla casa di famiglia all’impresa di pompe funebri, forse elemento provvidenziale per la sua sopravvivenza.

LEGGI ANCHE -> Follia in Usa, abbraccia i passanti e dichiara: Sono positivo

Il personale dell’impresa di pompe funebri James H. Cole si è accorto invece che Timesha stava ancora respirando. Un portavoce dell’impresa di pompe funebri ha dichiarato alla stampa locale che “dopo aver ricevuto l’autorizzazione dall’ufficio del medico legale della contea di Oakland la ragazza è stata trasportata alla nostra agenzia di pompe funebri. Al suo arrivo il nostro staff ha confermato che respirava”.

Timesha Beauchamp (foto dal web)
Timesha Beauchamp (foto dal web)

La ragazza è in condizione critiche. Attualmente è attaccata a un respiratore in terapia intensiva nel Detroit Medical Center. Gli inquirenti di Southfield hanno aperto un’inchiesta per risolvere il fatto che ha dell’incredibile.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter