Colleferro | Willy ucciso di botte | ‘Tanto era solo un extracomunitario’

L’orribile episodio avvenuto a Colleferro, con quattro teppisti che hanno ucciso il 21enne Willy, vede ora una assurda reazione da uno dei parenti dei violenti.

Colleferro Willy aggressione
La aggressione di Willy a Colleferro emerge un particolare raccapricciante Foto dal web

È da non credere la reazione orripilante di un parente di uno degli arrestati a Colleferro che hanno ucciso il povero Willy Monteiro Duarte. “Hanno solo ucciso un extracomunitario”, ha esclamato questa persona. Willy è il ragazzo di 21 anni, italiano di origini capoverdiane, ammazzato di botte da un branco di quattro teppisti che lo hanno circondato e massacrato in maniera ingiustificabile e vigliacca.

LEGGI ANCHE –> Parla l’amico di Willy: «Ero io il vero obiettivo»

I colpevoli sono i due fratelli Gabriele e Marco Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. Tutti di età compresa fra i 22 ed i 26 anni e che erano soliti spadroneggiare a Colleferro, cercando sempre la rissa con gli altri ed imponendosi dall’alto dei loro fisici palestrati e delle loro conoscenze in fatto di arti marziali miste. Discipline che andrebbero messe in atto per la difesa e non per attaccare gli altri.

LEGGI ANCHE –> Ragazzo pestato a morte per sedare una rissa: fermati quattro giovani

Colleferro, i motivi assurdi dell’aggressione letale a Willy

Sui social network i quattro assassini stanno ricevendo messaggi di disprezzo e di odio, e c’è chi sottolinea la loro vigliaccheria nell’essersela presa in superiorità numerica con un giovane non certo dotato in prestanza ed in conoscenza di tecniche corpo a corpo come loro. Si apprende che tutti loro appartengono ad ambienti di estrema destra. E non a caso in tanti accusano in maniera diretta anche Matteo Salvini e Giorgia Meloni di avere in qualche modo ispirato i quattro assassini “con le loro campagne di odio”. Ora il gruppo di teppisti è accusato di omicidio preterintenzionale. Con uno di loro che potrebbe vedersi accusato però di omicidio volontario.

LEGGI ANCHE –> Maxi-rissa in pieno centro: giovane ragazzo ucciso a calci e pugni

Ci sarebbero due testimoni che lo avrebbero visto colpire Willy alla pancia ed alla testa con un calcio e con un pugno violentissimi. E spuntano i motivi dell’attacco di Colleferro ai danni di Willy. Pare che ci sia un ‘mi piace’ messo dalla vittima su Instagram ad una ragazza. Su quanto successo va avanti l’indagine dei carabinieri, mentre in tanti si augurano che i violenti possano restate molto, molto a lungo in carcere.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter