Kate Winslet, la sua testimonianza: “Mi pento di aver lavorato con loro”

Kate Winslet. L’attrice premio Oscar esprime i suoi sentimenti di rammarico per aver lavorato con due grandi del cinema mondiale. I motivi

Kate Winslet
Kate Winslet – Foto dal web

“Ma a che ca**z stavo pensando? Come diamine ho fatto ad accettare di lavorare con loro?” Queste sono le parole di pentimento che l’attrice Premio Oscar rivolge a se stessa pensando alle tappe passate della sua carriera e ai film girati con Woody Allen e Roman Polansky. 

“E’ vergognoso sapere che questi due siano stai tenuti in così alta considerazione nell’industria cinematografica e siano stati sulla vetta per così tanto tempo” – continua la Winslet. “Mi prendo la responsabilità di aver accettato di lavorare con entrambi, purtroppo non posso tornare indietro.”

L’intervista rilasciata a Vanity Fair risulta impietosa nei confronti dei due maestri del cinema, coinvolti nel movimento #Metoo e accusati di abusi e molestie sessuali. Cambio rotta per l’attrice inglese che, alle pagine del New York Times, nel 2017, rilasciava testimonianze decisamente opposte: “Come attrice faccio un passo indietro e dico che non sono niente in confronto a loro. Woody Allen è un regista incredibile. Idem Roman Polanski. Ho lavorato magnificamente con entrambi, questa è la verità”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

L’attrice ha recitato nel film di Polanski “Carnage” nel 2011 e in “La ruota delle meraviglie” di Allen nel 2017.

La Winslet parla anche del suo film di prossima uscita, Ammonite di Francis Lee, e dichiara: “Vorrei essere un esempio per le donne più giovani, gli stiamo lasciando un mondo a scatafascio.”

Queste parole vengono rilasciate anche a pochi giorni dalla premiere del nuovo lungometraggio di Woody Allen, Rifkin’s Festival, il quale, riguardo alle accuse mosse nei suoi confronti, dice che sono solo una moda del momento.

Leggi anche >>> KEVIN SPACEY, NUOVE ACCUSE DI MOLESTIE SESSUALI. “AVEVAMO SOLO 14 ANNI”

Kate Winslet e la molestia subita sul set