Lecce, cade mentre ripara la finestra: imprenditore ritrovato morto in casa dal fratello

Un imprenditore 51enne, Alex Rizzo, è stato ritrovato morto all’interno della sua abitazione di San Cesario di Lecce, in provincia di Lecce. L’uomo sarebbe caduto mentre riparava una finestra.

carlotta decesso
Ambulanza (Getty Images)

Tragedia in Salento, dove un uomo di 51 anni è stato ritrovato senza vita all’interno della sua casa di San Cesario di Lecce, in provincia di Lecce. A fare la tragica scoperta è stato il fratello della vittima che, preoccupato per le mancate risposte del 51enne, si è recato presso l’abitazione di quest’ultimo. L’uomo ha lanciato l’allarme, ma purtroppo per il 51enne non c’è stato più nulla da fare. Secondo una prima ricostruzione, la vittima, Alessandro Rizzo, ex modello ed imprenditore, sarebbe caduto in garage mentre stava effettuando dei lavori ad una finestra. Una caduta che non gli ha lasciato scampo.

Leggi anche —> Cesena, padre 42enne muore in un incidente in moto: verrà sepolto accanto al fratello

Lecce, cade mentre ripara la finestra: Alex Rizzo ritrovato morto all’interno della sua abitazione

Alex Rizzo
Alex Rizzo (foto dal web)

Un uomo di 51 anni, Alessandro Rizzo, ex modello, imprenditore e protagonista di un reality nazionale, è stato ritrovato morto nella sua abitazione di San Cesario di Lecce (Lecce) nella serata di mercoledì 23 settembre. A scoprire il cadavere dell’imprenditore è stato il fratello che, preoccupato per le mancate risposte al cellulare, si è precipitato in casa di Alex ritrovandolo senza vita nel garage. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, riportata dalla stampa locale e dalla redazione de Il Fatto Quotidiano, il 51enne sarebbe caduto mentre eseguiva dei lavori ad una finestra. Dinamica non confermata ed ancora del tutto da chiarire. Da accertare anche se l’uomo possa essere stato colpito da un malore.

La notizia del decesso ha sconvolto la comunità del comune in provincia di Lecce ed il Salento intero, dove Rizzo era molto noto con il soprannome “Papela“. Il 51enne, protagonista della movida estiva salentina, era stato titolare di alcuni locali, tra cui lo storico Baretto di Porto Miggiano.

Il sindaco di San Cesario Fernando Coppola ha commentato la tragedia, rilasciando alcune dichiarazioni alla redazione locale de Il Corriere Salentino. “Lo conoscevo bene –spiega il primo cittadino – era una persona solare. C’era un rapporto di stima reciproca con tutta la sua famiglia e con il fratello più grande. A tutti i suoi cari estendo le condoglianze per una morte inaspettata e dolorosissima“.

Leggi anche —> Lodi, incidente sulla strada provinciale: ragazzo finisce con l’auto in una roggia e perde la vita

terra dei fuochi
Ambulanza (Getty Images)

I funerali del 51enne saranno celebrati questa mattina, venerdì 25 settembre, alle ore 10 presso la chiesa Madre di San Cesario.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.