Bufera MasterChef, un ex concorrente “vuota” il sacco: l’agghiacciante verità

Ivan Iurato è l’ex concorrente di MasterChef, edizione 2012-2013 che ha denunciato alcuni comportamenti dello staff all’interno del programma

Masterchef
Masterchef (foto dal web)

“Funziona tutto ad arte” – questo è il succo dell’esordio in un’intervista di un ex concorrente del programma culinario MasterChef Italia. La parola passa al quarto classificato dell’edizione 2012/2013 che tanto ha fatto innamorare gli appassionati da casa e i suoi giudici.

Non tanto per le sue doti culinarie, quanto per la simpatia e le battute profuse durante le dirette. Una sorta di vincitore morale di quell’edizione, tutta nel segno di Ivan Iurato, che ha continuato a coltivare, attraverso i social, l’interesse del prestigioso programma, al fine di “racimolare” qualche verità, nascosta.

Striscia» contro Masterchef Nella bufera anche Grandi | Città

“Guardo MasterChef appena posso, lavoro e tempo permettendo e posso dire che dietro le quinte sono davvero molto bravi a mantenere vivo l’interesse del telespettatore”. Sì perchè la finalità di ogni singola avventura è quella di “giocare” con le sensazioni del pubblico, semmai interrompendo con qualche spezzone pubblicitario o intervista ai concorrenti, le “anomalie” che non rispettano il copione voluto dai produttori.

Ecco perchè – afferma Ivan Iurato -, il cast degli artisti dietro le quinte cerca quanto è più possibile, di far rispettare le “distanze” sociali tra i giudici e i concorrenti: proprio per evitare l’empatia tra tutti i personaggi inquadrati nelle telecamere. Le battute esternate dai vari Cannavacciuolo, Cracco, Bastianich e Barbieri sono “disegnate” ad arte con lo scopo di far strappare un sorriso al telespettatore a casa.

Masterchef, il concorrente fa il dito medio in puntata: scoppia la bufera

“Vuoi che muoro?; Veloceee!” sono soltanto alcuni esempi di esclamazione che i giudici devono ripetere di tanto in tanto, magari su indicazione dello staff. La “bufera” si abbatte anche nel momento in cui gli esperti del buongusto assaggiano i piatti dei concorrenti. “Anche in quella circostanza, i giudici devono improvvisare parecchio!”.

Non dimentichiamo che al pari degli altri servizi televisivi, anche MasterChef scende a compromessi” con le telecamere e in modo particolare con un affare telescopico che inquadra i piatti dei partecipanti, da una prospettiva diversa. Poi scatta l’intervallo “solistico” di ciascun concorrente nel camerino delle confessioni, proprio come accade nel GF, offrendo tempo e possibilità ai gudici di farsi un’idea su cosa hanno cucinato e prepararsi dunque al verdetto della prova.

LEGGI ANCHE —–> Grande Fratello Vip: Fausto Leali squalificato, interviene Mario Balotelli

LEGGI ANCHE —–> Uomini e Donne, beccati nel parcheggio degli studi: “Vergognatevi”

Bufera MasterChef, Cracco tuona: "Te lo impongono..."

Qual’è il giudizio, di cui tengono conto? Semplice, loro hanno a disposizione un microfono auricolare nell’orecchio, in modo da avere la possibilità di confrontarsi con gli altri colleghi e lo staff dietro le quinte, per decidere chi far fuori, magari discostando il naso dalla raffinatezza che potrebbe regalare quel piatto creato ad hoc.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter