Coronavirus, l’Oms lancia l’allarme: la battaglia non è finita| Previsione da brividi

Il coronavirus fa ancora paura. Un milione di morti ma il peggio non è ancora passato. La previsione è di raddoppiare con le vittime

covid-19
Esame Covid (foto dal web)

La battaglia contro il coronavirus non è ancora finita. I contagi crescono come i morti ed il contatore dei numeri ruota a dismisura. Solo ieri è stato raggiunto un milione di morti nel mondo per via del Covid. Un milione di persone che non ce l’ha fatta a vincere la sfida contro il virus da quando è stato scoperto in Cina nel dicembre del 2019.

La sua avanzata va avanti e pare che non si voglia arrestare, su tutto il pianeta. E la previsione fatta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità non fa ben sperare. Un vero allarme choc quello mandato oggi per avvisare il mondo intero che la battaglia non è ancora terminata.

“La cifra di due milioni di morti fino a che non arriverà un vaccino è inimmaginabile, ma non impossibile” tuona l’Oms. Un numero così altro sarà evitabile, spiega, “solo con comportamenti rigorosi: igiene, mascherine, rispetto del distanziamento, test, tracciamento dei contatti, quarantena e altro ancora”.

C’è dunque da resistere ancora e anche con molta attenzione secondo gli esperti in attesa che il vaccino sia pronto.

LEGGI ANCHE –> Picco dell’influenza, ecco quando secondo il noto epidemiologo

Coronavirus, i dati della pandemia nel mondo

speranza
(Getty Images)

Che il coronavirus sia inarrestabile è un dato di fatto e a dirlo sono proprio i numeri che descrivono una mappa mondiale della pandemia che fa paura. Le più colpite sono le Americhe con Stati Uniti e Brasile in testa con tantissimi morti. Oltre 200 mila negli Usa e sopra i 140mila in Brasile. Non va meglio il Messico con 70 mila e poi l’India e la Gran Bretagna con 41mila vittime in Europa.

In Europa, rispetto al resto del mondo, la situazione non va meglio. 33 milioni di casi dall’inizio della pandemia e 8 milioni di persone attualmente positive al virus. È stato scongiurato per molto tempo ma purtroppo nel Vecchio Continente si deve parlare di una vera e pericolosa seconda ondata.

In testa Francia e Spagna che si ritrovano a fare i conti con numeri altissimi mentre il nostro Pese riesce a resistere con numeri che salgono ma ancora contenuti. Secondo Walter Ricciardi, consulente del ministro Speranza, i transalpini sono vicini a un secondo lockdown totale.

LEGGI ANCHE –> Vaccino anti Covid-19, mezzo milioni di squali a rischio: il motivo

Coronavirus
Coronavirus (Foto dal web)

Va controcorrente e anticipa tutti, invece, Israele che ha già instaurato un lockdown totale per ora fino all’11 ottobre.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.