Lampedusa, pericolosa sparatoria contro un’imbarcazione tunisina

Nella piccola isola della Sicilia – Lampedusa – un evento tragico che non è rimasto privo di conseguenze: una sparatoria contro un’imbarcazione tunisina

Lampedusa
Lampedusa (pixabay)

A Lampedusa, la splendida isoletta della Sicilia spesso teatro di molti casi negativi, le forze dell’ordine sono state protagoniste di un ulteriore evento tragico. La Guardia di Finanza infatti aveva chiesto all’imbarcazione tunisina vista previamente di fermarsi, ma le richieste si sono rivelate non ascoltate. Un comportamento che ha costretto i militari ad aprire il fuoco. Un inseguimento che si è protratto per un bel po’  fino alla cattura dei pescatori e all’arrestato del capitano da parte della Guardia di Finanza. Numerose le accuse sollevate al capitano, tra cui resistenza e rifiuto agli ordini impartiti dalla nave da guerra. Non si sa nulla sull’esito della perquisizione compiuta dai militari subito dopo l’arresto, ma sembrerebbe che sia stato trovato nulla di eclatante.

LEGGI ANCHE ->  Covid-19, il bollettino del 29 settembre: 1.648 nuovi casi di contagio

Lampedusa, come sono andati i fatti

Lampedusa, l'imbarcazione tunisina
Lampedusa, l’imbarcazione tunisina (foto dal web)

Secondo quanto dichiarato dalla Guardia di Finanza, l’imbarcazione era stata osservata, monitorata molto prima che ricorressero all’azione. Una richiesta di arresto sopravvenuta in un secondo momento dando origine  alla fuga – per qualche ora – fino a quando non sono stati acciuffati dai militari i quali ne hanno bloccato l’imbarcazione e dichiarato in arresto il capitano. Acque quelle di Lampedusa monitorare costantemente visti i numerosissimi precedenti che coinvolgono quei luoghi meravigliosi in fatti di cronaca rilevanti che hanno ad oggetto fra le tanti gli sbarchi di migranti. I loro viaggi di fortuna per sperare in una vita migliore in delle imbarcazioni fatiscenti e improvvisate, altamente pericolose. Lo sparo, l’extrema ratio per bloccare i pescatori tunisini in fuga, serviva per invocare l’alt ma a nulla è servito dato che la fuga non si è arrestata.

LEGGI ANCHE -> Covid-19, il bollettino del 28 settembre: aumentano i pazienti in terapia intensiva

Lampedusa, l'imbarcazione tunisina
Guardia di Finanza (foto dal web)

Il capitano dovrà rendere delle dichiarazioni alle Forze dell’Ordine e rispondere ai numerosi Capi d’Imputazione. Lampedusa è spesso protagonista di situazioni parzialmente simili, nonostante sia un’isola piccolissima del Mediterraneo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.