Il principe Harry introdotto all’alcool e droga. La colpa sarebbe di William

Il principe Harry. Secondo quanto riportato dal biografo inglese Robert Lacey sarebbe stato portato a cattiva strada dal fratello William

Il principe Harry
William e Harry – foto dal web

Aveva solo 13 anni il principe Harry quando sua madre, Lady Diana, morì in circostanze ormai note a Parigi. Un dolore immenso per qualsiasi figlio adolescente che perde uno dei genitori in un modo così atroce ed improvviso; ancor più penosa è la situazione per un ragazzo costantemente scrutato dall’occhio mediatico.

Esattamente un anno dopo, Harry fece il suo ingresso nel prestigioso istituto superiore di Eton, già frequentato dal fratello maggiore William, all’epoca sedicenne.

Secondo quanto riportato dal biografo reale Robert Lacey nel libro di prossima uscita, Battle of Brothers (Scontro tra fratelli), fu quello l’inizio del declino. La situazione attuale tra William e Harry è sotto gli occhi di tutti. Il primo è completamente assorbito dal suo ruolo di futuro erede al trono inglese, padre e marito amorevole, in primo piano nel portare avanti i doveri di una famiglia così importante. Harry, invece, sposato con l’ex attrice Meghan Markle, ha abbandonato gli obblighi del suo retaggio, si è trasferito negli Stati Uniti dove sta portando avanti una carriera nella produzione di film e documentari a tema sociale e sta crescendo suo figlio, il piccolo Archie. I rapporti tra i due sembrano infranti.

Leggi anche >>> LADY DIANA, LA RIVELAZIONE DOPO 23 ANNI: “QUESTE LE SUE ULTIME PAROLE”

Il principe Harry. Adolescenza ribelle

William e Harry e consorte (getty images)

Facendo un balzo indietro di oltre 20 anni e tornando allo scenario che li vedeva presenti a Eton, veniamo a sapere dallo scrittore Lacey che Harry si unì alla comitiva del fratello maggiore. Fu indotto da queste persone al vizio del bere e al fumo di hashish.

Il ragazzo viveva un periodo di dolore per la perdita della madre e di profonda ribellione. Si sentiva adulto quando in realtà non lo era affatto. La fiducia che aveva in se stesso lo faceva sentire invincibile.

Il principe Carlo, per proteggere i suoi figli, permise loro di trasformare le cantine della residenza di Highgrove in una discoteca, il Club H. L’idea venne inizialmente a William. Il luogo aveva una zona bar ben fornita dove i due reali e i loro amici potevano darsi alla pazza gioia. Nei pub inglesi, inoltre, è assolutamente vietato servire da bere ai minorenni, ma per William e Harry, chiudevano sempre un occhio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Regina Elisabetta: lo chef svela il menu giornaliero della sovrana

Principe Carlo
Il Principe Carlo (Getty Images)

Hash Harry era il nomignolo che fu affibbiato al principe per via dell’ odore riconoscibile che proveniva dalla sua camera. Nel 2000, all’età di 18 anni, William lasciò Eton. Harry, rimasto solo, perse quel minimo freno che la presenza del fratello potesse garantirgli. Carlo, allertato da un membro dello staff di Highgrove, lo fece partecipare a delle sedute in un centro riabilitativo. Molti videro il gesto come la premura di un padre presente; altri invece rivelarono che in realtà era l’espediente per scaricare il problemaoiché troppo indaffarato nella sua relazione con Camilla Parker Bowles.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter