Usa, ripartono le esecuzioni capitali: dopo 67 anni al patibolo una donna

L’esecuzione di Lisa Montgomery è stata fissata per il prossimo 8 dicembre. Sarà uccisa con un’iniezione letale in un carcere dell’Indiana

Lisa Montgomery condannata all'esecuzione capitale (foto dal web)
Lisa Montgomery condannata all’esecuzione capitale (foto dal web)

L’esecuzione della Montgomery è prevista l’8 dicembre, nella camera della morte del penitenziario federale di Terre Haute, in Indiana. Lisa di 52 anni, si è macchiata di un omicidio definito “particolarmente efferato”: nel 2004 ha strangolato Bobbie Jo Stinnett, una donna di 29 anni incinta e, dopo averle tagliato il ventre, ha rapito la bambina di otto mesi non ancora nata e che oggi ha 16 anni.

LEGGI ANCHE -> Argentina, la soluzione fantasiosa di alcune donne per vedere l’amica ricoverata in ospedale

Reati che la stessa imputata ha confessato. Secondo i suoi avvocati è affetta da gravi patologie mentali, derivanti dagli abusi subiti da bambina, ed è sotto trattamento farmacologico, aspetto che però non l’ha salvata dalla condanna a morte da parte di Dipartimenti di Giustizia americano.

Prima di Lisa solo Bonny Heady e Ethel Rosenberg

Lisa Montgomery condannata all'esecuzione capitale (foto dal web)
Lisa Montgomery condannata all’esecuzione capitale (foto dal web)

Lisa Montgomery sarà la nona detenuta a essere messa a morte dopo che il Dipartimento di Giustizia ha ripreso le esecuzioni a luglio scorso e una pausa di quasi 20 anni. Si tratta della prima detenuta federale dopo 67 anni, dopo quella di Bonny Heady, uccisa in una camera a gas nel 1953 per aver ucciso un bimbo di 6 anni e di Ethel Rosenberg, condannata lo stesso anno col marito Julius alla sedia elettrica con l’accusa di spionaggio, per aver passato all’Unione Sovietica informazioni segrete sulla bomba atomica

Lisa Montgomery condannata all'esecuzione capitale (foto dal web)
Lisa Montgomery condannata all’esecuzione capitale (foto dal web)

Due giorni dopo toccherà a Brandon Bernard, 40 anni, che nel 1999 in Texas uccise due giovani religiosi. I gruppi contro la pena di morte sostengono la via delle esecuzioni sia una scelta mirata del presidente Donald Trump proprio durante la campagna elettorale per consolidare la sua linea “law and order”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.