Coronavirus. Vaccino russo, ecco gli effetti collaterali

Coronavirus, il vaccino russo da tempo brevettato chiede l’autorizzazione all’OMS. Giunto alla fase 3, è ad un passo dal rilascio. Quali sono gli effetti collaterali?

Coronavirus, Vaccino
Coronavirus, Vaccino (foto dal web)

Lo “Sputnik V” è il vaccino russo prodotto dal Gamaleya Research Institute di Mosca. Il primo vaccino a procedere con la sperimentazione, adesso si trova nella fase 3 ed è pronta al rilascio. Il Ministero della Salute russo ha approvato il vaccino e lo stesso Putin si dichiarava già da mesi soddisfatto per il traguardo raggiunto. Il governo russo ne ha chiesto l’approvazione all’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti ha iniziato una serie di step per ottenere il riconoscimento finale. L’OMS si è mostrata propensa nell’iniziare il controllo del vaccino per valutarne la validità. Nelle prime due fasi precedenti sono emersi degli effetti collaterali al vaccino ma non di rilevanza tale da poter costituire una minaccia.

LEGGI ANCHE -> Galli lancia l’allarme: “Lockdown? Faremo come la Francia”

Coronavirus, vaccino russo: cosa c’è da sapere

Coronavirus, Vaccino
Coronavirus, Vaccino (foto dal web)

Tra gli effetti collaterali dello Sputnik V emersi nelle fasi precedenti vi sarebbero dolore nella zona interessata all’iniezione, aumento della temperatura corporea e mal di testa. Tuttavia, è bene precisare, che questi sintomi hanno interessato solo una piccola percentuale dei volontari che si sono affidati ai ricercatori per la sperimentazione. Effetti comunque lievi e momentanei. Su questo punto è intervenuto il Ministro della Salute Mikhail Murashko – medico e politico russo – il quale ha tranquillizzato sostenendo che la Fase 3 – ed ultima per il riconoscimento finale del vaccino – vedrà coinvolti ben 40.000 volontari e precisa che su questi già 300 sono stati sottoposti alla vaccinazione, solo il 14% (ovvero 42 volontari) avrebbero lamentato dei dolori muscolari momentanei, dalla durata massima di 24 ore.

LEGGI ANCHE  -> Pandemia, la situazione nelle terapie intensive: i dati regione per regione

Coronavirus, Vaccino
OMS (foto dal web)

Non resta che attendere le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità la quale dovrà constatare l’effettiva efficacia del vaccino russo senza che questo non costituisca una lesione alla salute. 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.