L’allarme dell’agenzia spaziale: internet invade lo Spazio

I satelliti di Internet invadono lo spazio: l’Agenzia spaziale europea lancia l’allarme. Spinto dalle innovazioni tecnologiche

asteroide NASA
Satellite (Getty Images)

Il 22 settembre, la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) ha riacceso i suoi propulsori ed è salita di quattordici chilometri. Questo non per cambiare rotta o punto di vista, ma per evitare una possibile collisione con un pezzo di un lanciatore giapponese in orbita dal 2018. Lo shock potrebbe aver causato danni significativi alla ISS, che viaggia a una velocità di 27.500 km / h, dieci volte la velocità di un proiettile di fucile. È stata la terza manovra tesa ad evitare una collisione operata dalla ISS dall’inizio dell’anno. Da parte sua, l’Agenzia spaziale europea (ESA) emette una media di due avvisi di rischio di collisione al giorno. A settembre 2019 ha dovuto deviare il suo satellite Aeolus, progettato per misurare i venti, per evitare una collisione con un satellite della costellazione Starlink della compagnia californiana SpaceX.

Leggi anche > Dpcm, nuova bozza: novità

Internet alla conquista dello Spazio

Satellite
(Getty Images)

Dei 5.500 satelliti attualmente distribuiti sulle tre orbite, bassa, meno di 2.000 km, media tra 2.000 e 36.000 km, alta a 36.000 km, solo la metà è operativa. In altre parole, circa 2.700 satelliti, interi o in pezzi, e i detriti dei lanciatori che li hanno messi in orbita, continuano a ruotare nello Spazio. In vista dei progetti di lancio all’ordine del giorno per i prossimi anni, il rischio di collisione si moltiplicherà, è questo il nodo della vicenda. La proiezione non promette bene, anzi. L’orbita bassa potrebbe, infatti, presto assomigliare a un’autostrada nei giorni di grandi partenze, poiché i progetti per nuove costellazioni si sono moltiplicati negli ultimi anni, minacciando lo spazio di saturazione.

Leggi anche > Covid, il bollettino di oggi

internet velocità
rete internet estesa – foto dal web

In una notte limpida e lontano da fonti di luce, si sono probabilmente visti diversi punti di luce muoversi come in una roulotte nel cielo. Probabilmente era una serie di satelliti Starlink che SpaceX lanciava a dozzine due volte al mese.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Impostazioni privacy