Rider, dal 2021 saranno lavoratori dipendenti: novità nelle grandi città

Dal 2021 i rider di Just Eat saranno lavoratori dipendenti. Ci sarà una paga oraria e verranno garantite tutte le tutele

Riforma dell'Irpef: un unico assegno al posto di tanti bonus
Calcolatrice e soldi(foto Pixabay)

I rider sono riusciti ad ottenere quello per cui hanno combattuto con forza nel tempo: la regolarizzazione contrattuale. Just Eat, uno degli operatori più noti, ha introdotto infatti il modello europeo di contrattualizzazione dei rider. Dal 2021, quindi, i rider avranno un regolare contratto di lavoro subordinato, con previsioni di part-time e full time. E’ un modello di contratto già presente per i loro pari in altri paesi europei di nome “scoober“. I rider avranno una paga oraria e più tutele, conservando la flessibilità di cui necessitano molti lavoratori, spesso impegnati con lo studio o altre attività. Per le singole consegne, quindi, ci sarà soltanto un bonus.

Leggi anche > Ue, brutte notizie economiche

Rider, arriva il contratto

cassa integrazione
soldi (pixabay)

Ci sarà, inoltre, una differenza tra piccole e grandi città. Nelle piccole realtà potranno lavorare con mezzi propri ma dovranno ricevere i dispositivi di sicurezza consoni al lavoro da svolgere.  Nelle grandi città ci saranno invece a disposizione mezzi esclusivamente sostenibili, o scooter elettrici o e-bike. Troveranno, inoltre, casco, giacca e zaino. Ai rider saranno affiancanti dei riferimenti che lavoreranno con i propri mezzi, figure necessarie soprattutto quando si dovrà lavorare fuori città.  “Una decisione – spiegano in una nota dall’azienda – che si inserisce in un percorso virtuoso che l’azienda sta seguendo da anni, volto a far crescere ed evolvere il mercato e a costruire un sistema sempre più al passo con le esigenze e le peculiarità del settore, migliorando il modello di business ma anche lavorando alla costruzione di un modello in grado di tutelare sempre di piu’ anche i lavoratori“.

Leggi anche > Roma, tenta di raggirare dpcm

cassintegrazione lavoratori
(Getty Images)

Un passo avanti notevole che potrebbe di riflesso coinvolgere anche gli altri operatori del mercato. Un primo passo verso un lavoro con maggiori tutele e sicurezza. Il 2021 non è lontano per i rider. Tutto da scoprire il modo in cui l’intero mercato reagirà.

e vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter