Covid, in arrivo il vaccino: tutto quello che c’è sa sapere

Entro l’anno potremmo avere già il vaccino contro il Covid: andiamo a vedere come funzionano tempi e modi di conservazione

Vaccino Covid come fuziona
Misure contro il Covid (pixabay foto di KlausHausmann)

A breve potremmo avere a disposizione due vaccini, lo afferma l’immunologo Anthony Fauci. Questo sarà possibile perché le aziende Curevac (tedesca) e la Moderna (statunitense) – che collabora con il Niad, l’ente di ricerca di malattie infettive presieduto dall’esperto – si basano sulle stesse analisi delle Pfizer e BioNTech. Queste ultime due hanno spiegato che entro la fine di questo 2020 potremmo avere a disposizione già 50 mila dosi di vaccino, che diventeranno 1,3 miliardi entro l’anno prossimo. L’efficacia dell’antidoto al Covid-19, spiegano gli studiosi, è del 90%. Bisogna solo aspettare l’ok da parte dell’agenzia che regolano la sperimentazione.

LEGGI ANCHE -> Pandemia, come distinguere il coronavirus dall’influenza

Come funziona il vaccino Covid: dosi e somministrazione

Vaccino Covid come funziona
Test Covid (pixabay foto di fernando zhiminaicela)

Gli studiosi americani  della Pfizer in collaborazione con la tedesca BioNTech hanno spiegato che le dosi di vaccino saranno due, prese a distanza di tre settimane l’una dall’altra. Le fiale vanno conservate a una temperatura di -75 gradi ma possono essere riposte anche in frigorifero (cinque giorni prima di essere usate) tra i 2 e gli 8 gradi e a patto che non sostino a temperatura ambiente per più di due ore. L’agenzia per il farmaco degli Stati Uniti denominata  ‘Food and Drug Administration‘ potrebbe dare il via libera alla somministrazione dei vaccini già in questo mese di novembre e dovrà seguire poi il nulla osta anche delle corrispettive agenzie europee. Entrambe stanno lavorando celermente per dare una risposta valida all’emergenza sanitaria e porre fine all’aumento della curva dei contagi e ai decessi che stanno mettendo in ginocchio il nostro Paese, l’Europa e gran parte del resto del mondo, Stati Uniti in primis.

LEGGI ANCHE -> Covid Usa, la task force di Biden contro la pandemia

Vaccino Covid
Test Covid (pixabay foto di fernando zhiminaicela)

I test per i vaccini che stanno facendo ben sperare tutte le aziende farmaceutiche coinvolte sono stati effettuati su persone dai 18 agli 85 anni, tra cui ci sono anche pazienti affetti da epatite B e C e malati HIV positivi.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter