Non solo Covid, c’è chi inventa la “stanza degli abbracci”

Castelfranco Veneto, ecco la “stanza degli abbracci” per restare vicini agli anziani anche in tempo di Covid

rsa
Casa di riposo (Getty Images)

La lotta al Covid è incessante e ormai diffusa in tutta Italia in misura più o meno simile. L’emergenza è ovunque a differenza della prima ondata in cui erano principalmente le regioni del Nord del paese con la Lombardia nettamente più infettata. La regione lombarda rimane in testa alla triste e drammatica classifica ma si lotta e si combatte in ogni area del paese. Tuttavia, a Castelfranco Veneto hanno pensato di gestire la situazione e il rischio di contagio senza rinunciare ai gesti di affetto. Nella casa di riposo Domenico Sartor si sono inventati la “stanza degli abbracci”.

Leggi anche > Pandemia, situazione terapie intensive

Covid, inventano la stanza degli abbracci

Anziana soccorsa
(Foto di Sabine van Erp-Pixabay)

Si tratta di uno spazio dove gli anziani possono incontrare i familiari e abbracciarsi, sentire l’affetto, senza rinunciare le necessarie precauzioni. “Figlie che accarezzano le madri, mogli che stringono le mani dei mariti, alla casa di riposo di Castelfranco Veneto è di nuovo possibile, malgrado il covid sia tornato a diffondersi”; con questo post sulla pagina facebook, la casa di riposo suddetta annuncia l’idea per fare in modo che gli ospiti della casa di riposo possano continuare a sentire l’affetto dei propri cari nonostante le necessarie restrizioni. “Finalmente ho potuto riabbracciare mia figlia – ha affermato in lacrime una donna ospite del centro – dopo settimane di videochiamate mi è sembrato un miraggio, era un contatto che mi mancava da troppo tempo”.

Leggi anche > Ricciardi convinto dal lockdown

Casa di riposo degli orrori
anziani (pixabay)

Per quanto riguarda il funzionamento, il centro per anziani spiega: “Abbiamo pensato di creare uno spazio completamente isolato – ha affermato la direttrice del centro Elisabetta Barbato – una stanza che consenta ai parenti di avvicinarsi ai loro familiari con delle barriere protettive in vetro e in alluminio a tutta altezza, e in tutta sicurezza”. I familiari in sostanza si toccano ma hanno le barriere che non fanno correre rischi di contagio.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.