Pandemia, si parte con la terapia con anticorpi Eli Lilly

Per combattere il Covid in tempo di pandemia arriva il via libera dall’Fda statunitense alla terapia per curare le infezioni non gravi

Coronavirus, Pandemia (Getty images)
Coronavirus, Pandemia (Getty images)

Buone novità in arrivo dall’America per il contrasto al Covid-19. In tempo di pandemia i progressi della scienza e le autorizzazioni medico-sanitarie fanno tirare un respiro di sollievo. Dopo la buona notizia sul vaccino anti-Covid della Pfizer e Biontech che è “efficace al 90%” secondo i primi risultati della fase 3 della sperimentazione che è giunta a conclusione, si aggiunge anche quella sugli anticorpi.

La Fda statunitense ha dato l’ok per l’uso anticorpi della Eli Lilly per curare le infezioni da coronavirus di lieve entità sia negli adulti che nei bambini. Un via libera d’urgenza arrivato in un altro momento delicatissimo della pandemia mondiale. La Fda ha concesso la somministrazione del trattamento nelle strutture ospedaliere o in altre strutture sanitarie.

Questo è il primo trattamento a base di anticorpi monoclonali che ha ricevuto l’autorizzazione. Dai primi risultati emerge infatti che il farmaco riuscirebbe e ridurre gli effetti del coronavirus riducendo così anche i ricoveri, dando maggiore respiro agli ospedali in affanno.

LEGGI ANCHE –> Covid: Clotilde Armellini e gli aggiornamenti dalla terapia intensiva

Pandemia, il Brasile dice stop al vaccino

Sperimentazione Vaccino (Getty Images)
Sperimentazione Vaccino (Getty Images)

Sul fronte vaccino, invece, la situazione non è chiarissima. Sono tantissimi gli studi che si stanno effettuando in tutto il mondo per cercare di arrivare alla cura il prima possibile. E se la Pfizer ha dato ieri la buona notizia, il Brasile dal canto suo fa un passo indietro.

Ha annunciato, infatti, di aver sospeso nel Paese le sperimentazioni del vaccino cinese. lo stop sarebbe avvenuto a seguito di un ‘grave incidente’ secondo quanto riferito dall’ente regolatore brasiliano.

Un dietro front che non era affatto previsto che sconvolge le carte in tavolo. Solo lunedì, infatti, il governatore di San Paolo, Joao Doria, aveva annunciato che sarebbero state distribuite, entro il 20 di novembre, su tutto il territorio nazionale le prime 120 mila dosi del vaccino prodotte dalla cinese Sinovac.

LEGGI ANCHE –> Bollettino del 9 novembre: oltre 960mila i casi di contagio complessivi in Italia

vaccino
Vaccino (Getty Images)

Ora invece è tutto bloccato e si cercherà di capire cosa abbia provocato questo incidente, pare su uno dei volontari che hanno ricevuto il vaccino.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.