Uccide la moglie a colpi di pistola, arrestato il marito

Nuovo femminicidio a San Felice a Cancello, Caserta, dove Michele Marrotta ha sparato alla moglie Maria Tedesco e poi si è costituito

Omicidio a San Felice a Cancello (Foto di djedj da Pixabay)
Omicidio a San Felice a Cancello (Foto di djedj da Pixabay)

Nuovo femminicidio stamattina nel casertano, nel comune di San Felice a Cancello, dove Maria Tedesco sarebbe stata uccisa a colpi di pistola dal marito Michele Marrotta al culmine di una lite.

Gli inquirenti sono ancora nel luogo del delitto, una stradina di Cancello Scalo, via Castello nei pressi dell’Acquedotto Carolino, per cercare prove ulteriori relative il crimine commesso dall’uomo, 34enne originario del posto ai danni della moglie di 30 anni che invece era nata a Maddaloni.

Leggi anche —> Milano, morto a 53 anni per un malore l’ex presidente di Indesit

Secondo le prime ricostruzioni Michele Marotta avrebbe portato con una scusa Maria sulla collina del Mattinale, nella frazione di Cancello Scalo, per poi spararle diversi colpi di pistola che deteneva regolarmente. L’uomo dopo averla uccisa sarebbe tornato a casa e avrebbe chiamato spontaneamente i Carabinieri.

I vicini li hanno sentiti litigare ieri pomeriggio in strada

Michele Marrotta e Maria Tedesco (foto dal web)
Michele Marrotta e Maria Tedesco (foto dal web)

Alcuni vicini della giovane coppia riferiscono di averli sentiti animatamente litigare ieri pomeriggio nella strada davanti la loro abitazione, il tutto davanti agli occhi di alcuni familiari.

Leggi anche —> Colpito dalla compagna con un soprammobile di cristallo: uomo ricoverato in ospedale

Al momento tutte le poste sono aperte, sul posto dell’atroce delitto ci sono i Carabinieri della stazione locale coordinati dal capitano della Compagnia di Maddaloni, Stefano Scollato. Lì è stata ritrovata anche l’arma del delitto con cui è stata ammazzata Maria Tedesco.

Femminicidio a San Felice a Cancello (GettyImages)
Femminicidio a San Felice a Cancello (GettyImages)

Michele Marrotta si trova in carcere per l’interrogatorio, sul corpo della vittima probabilmente verrà eseguita l’autopsia per capire se deve essere seguita qualche altra pista oltre a quella passionale. I due non avevano figli.

Da inizio anno sono 57 i femminicidi compiuti verso donne nel nostro Paese, l’ultima il 9 novembre era stata Barbara Gargano, 38 anni, a Ceretto di Carignano (Torino) per mano di Alberto Accastello, operaio di 40 anni. Nella sparatoria avvenuta nella casa dell’ex moglie sono stati uccisi anche i due gemellini di 2 anni Alessandro e Aurora. 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.