Aveva solo 19 anni, Irene muore investita da un ubriaco

Nel bolognese Irene Boruzzi è morta investita da un uomo ubriaco mentre attraversava le strisce pedonali poco distante da casa

Ambulanza di notte(Getty Images)
Ambulanza di notte(Getty Images)

Aveva solo 19 anni Irene Boruzzi, la giovane che nella serata di ieri è morta in un tragico incidente stradale. La 19enne è morta investita da un uomo che si era messo alla guida ubriaco.

Tutto è successo a Castenaso, nel Bolognese, poco prima delle 20 di ieri sera in via Frullo, vicino alla rotonda Zucchi. Pare che Irene stava facendo jogging e stava attraversando le strisce pedonali, poco distante da casa sua, ed è stata letteralmente investita e uccisa da un uomo alla guida di una Opel Astra.

L’impatto è stato molto forte. Irene è finita sul vetro dell’auto e lo ha sfondato e poi è stata sbalzata per almeno 10 metri in avanti: un colpo violentissimo a terra.

Sul posto sono giunti subito i soccorsi con l’immediato arrivo del 118. I sanitari e il medico hanno cercato di fare di tutto per salvare la 19enne. Ma a nulla è servito. Irene è morta quasi sul colpo.

LEGGI ANCHE –> Omicidio Gabriel Ferolato: arriva la condanna per la madre

Investita da un ubriaco, chi è l’omicida

investita da un ubriaco
Ambulanza (Getty Images)

L’uomo che ha investito Irene Boruzzi e l’ha uccisa sul colpo è Davide Melillo, 45 anni, risultato positivo all’alcoltest già al primo accertamento fatto dai carabinieri. Di quattro volte superiore al limite consentito (2,18 grammi per litro) è il risultato del suo tasso alcolemico nel sangue.

Per questo il 45enne è stato arrestato e posto ai domiciliari per omicidio stradale dai carabinieri di Castenaso, Granarolo e San Lazzaro che sono intervenuti sul luogo dell’incidente. Melillo aveva già precedenti per guida in stato di ebbrezza e resistenza a pubblico ufficiale.

Sconvolta tutta la cittadina bolognese. A parlare il sindaco di Castenaso incredulo: “La ragazza stava correndo quando è avvenuto l’incidente. E’ un fatto che ci colpisce”, il racconto del primo cittadino Carlo Gubellini.

LEGGI ANCHE –> Jesolo, morto il vocalist Alej: negli anni ’90 era il “Re delle notti dell’Adriatico”

controlli
Carabinieri (Getty Images)

“Via Frullo è una delle vie che portano in paese – ha aggiunto -. La ragazza stava correndo ed era sulle strisce. Era la nipote di secondo grado del fondatore di un noto panificio di Castenaso, dove ancora lavora la sua mamma”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.